Manovra, intesa piena: deficit al 2,4%, reddito di cittadinanza, via la Fornero

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Dopo un lunghissimo vertice a Palazzo Chigi, il governo ha trovato l’accordo sulla Manovra Economica. Intesa totale sul rapporto deficit-pil al 2,4%. Nel dare l’annuncio, M5S e Lega hanno precisato che è arrivato anche il via libera del ministro dell’Economia Tria. Cancellata la legge Fornero.

Matteo Salvini si è detto pienamente soddisfatto per aver raggiunto “tutti gli obiettivi”, Luigi Di Maio invece ha annunciato oltre al reddito di cittadinanza, anche la “pensione di cittadinanza” e ha parlato di “manovra del popolo”, mentre il premier Giuseppe Conte annuncia meccanismi di controllo della spesa che impediscano il superamento della soglia.  Grande festa pentastellata davanti a Montecitorio al grdo:”Non temiamo i mercati”.

La felicità di Matteo Salvini.
Il vicepremier e ministro dell’Interno leader della Lega dichiara: “Tasse abbassate al 15% per più di un milione di lavoratori italiani, diritto alla pensione per almeno 400.000 persone e altrettanti posti di lavoro a disposizione dei nostri giovani superando la legge Fornero, chiusura delle cartelle di Equitalia, investimenti per scuole, strade e Comuni. Nessun aumento dell’Iva”.

Tornando a Di Maio, va segnalato quanto scritto su Facebook dal leader grillino: “Oggi è un giorno storico! Oggi è cambiata l’Italia! Gli ultimi sono finalmente al primo posto perché abbiamo sacrificato i privilegi e gli interessi dei potenti. Sono felice. Insieme abbiamo dimostrato che cambiare il Paese si può e che i soldi ci sono”. Grande festa per attivisti e parlamentari pentastellati fuori dalla Camera dopo l’intesa raggiunta sulla manovra economica. Tantissime le bandiere del M5S, sorrisi e selfie per i presenti.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!