Migranti: Fico: ‘Io i porti non li chiuderei’. Gelo di Di Maio. Salvini: “solo un punto i vista”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Sulla questione migranti il presidente della camera Roberto Fico dichiara che i porti non vanno chiusi. “Le Ong – dice – fanno un lavoro straordinario, fondamentale nel salvare vite”.

Fico attacca frontalmente il ministro dell’Interno Matteo Salvini nel giorno in cui la Open Arms, la nave a cui il leader della Lega ha impedito l’attracco in Italia, soccorre davanti alla Libia 59 migranti, agendo autonomamente e precedendo l’intervento delle motovedette libiche. Alla nave, cui era stato interdetto l’attracco nei porti italiani, è giunta l’autorizzazione del governo spagnolo di portare in salvo i migranti a Barcellona.

Il presidente della Camera da Pozzallo afferma: “Bisogna essere solidali con chi emigra e ha storie drammatiche che toccano il cuore. Tocca all’Europa farsi carico di quest’emergenza, non solo all’Italia che non può tirarsi indietro. E bisogna tirare fuori gli estremismi, perché la solidarietà si fa insieme”.

Non tarda ad arrivare la replica del ministro dell’interno e vicepremier Matteo Salvini: “Un punto di vista personale non siamo in una caserma, è giusto che ognuno esprima le proprie idee, poi i ministri fanno i ministri”. Una linea identica a quella del capo politico dei cinquestelle, ministro del lavoro e vicepremier Luigi Di Maio: “Parla a titolo personale, non è la linea del governo”.

Al presidente della Camera arriva l’attacco anche del vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, a Pontida per la manifestazione della Lega: “Fico pensi a fare il presidente della Camera, a farla funzionare bene e a lavorare un po’ di più”.

Calderoli ha quindi parlato del successo del Carroccio, spiegando di essere sempre stato “convinto che il senso di responsabilità dimostrato dalla Lega già dall’inizio, quando ancora c’era difficoltà nel far partire la presidenza di Camera e Senato, sia stata la ragione che ha portato all’aumento del consenso”. Però, sottolinea il vicepresidente del Senato, “è il mantenimento degli impegni presi del nostro programma nel contratto con il M5s che può portare a mantenere quel consenso. La gente vuole vedere i fatti”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!