Tumore al seno: “Regione affianchi sempre ecografia e mammografia”. Venerdì serata al Fonato

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

E’ già stata inviata a Venezia la mozione del consiglio comunale di Thiene che chiedere alla Regione di affiancare di routine l’ecografia, esame non invasivo, alla mammografia per la diagnosi precoce dei tumori al seno. La mozione, che fa parte di un ordine del giorno votato lo scorso 8 novembre su proposta della consigliera comunale Anna Maria Savio (toccata direttamente da queste problema), è stata inviata anche agli altri comuni del territorio, affinché a loro volta sollecitino la Giunta Regionale.

Nel dettaglio, la mozione riguarda azioni di corretta informazione e diagnosi precoce, considerati pilastri per conoscere, affrontare al meglio e risolvere questa patologia. Di qui la necessità, anche per il parlamentino thienese, di promuovere la cultura della prevenzione come metodo di vita ed una sempre maggiore capillare sensibilizzazione, anche con una serata che si terrà venerdì all’Auditorium Fonato.

“Oggi – spiega Anna Maria Savio, della Lista Insieme per Casarotto PD – in Veneto il medico di base non può prescrivere l’ecografia con ricetta rossa e relativo pagamento di ticket unico associato alla mammografia in donne asintomatiche d’età compresa tra i 45 e i 69 anni. È autorizzato a prescrivere con ricetta rossa solo in caso di presenza di tre sintomi: nodulo, secrezione ematica, mastite, cioè in situazioni di diagnosi potenzialmente non precoce. Ciò costringe la donna ad effettuare l’esame solo privatamente o con ricetta bianca da parte del medico di base e, in quest’ultimo caso, con l’onere di una duplice lista di attesa con relativa perdita di tempo prezioso per una diagnosi precoce”.

“Il Veneto – continua Savio – nonostante le evidenze scientifiche e i pareri medici, è la sola regione italiana ad aver adottato questo protocollo per abbattere le liste di attesa e ridurre i costi. Ma la riduzione dei costi è solo a breve termine, in quanto il trattamento di un tumore con diagnosi non precoce ha costi successivi esponenzialmente più elevati. Le liste di attesa poi non vengono eliminate, in quanto le pazienti effettuano, se correttamente sensibilizzate, l’esame con la ricetta bianca”.

La prevenzione, come noto, è un’arma molto importante per combattere i tumori e la diagnosi precoce: l’individuazione di un tumore impalpabile e rilevabile soltanto con gli esami strumentali, vale a dire di pochi millimetri, determina infatti una elevata percentuale di guarigione che supera il 90%.

“Speriamo che anche altri Comuni – sottolinea l’assessore ai servizi alla famiglia e alla persona Andrea Zorzan – possano adottare il testo, così che Thiene possa portare un’iniziativa dal basso capace di raggiungere l’obiettivo. Intanto invito la cittadinanza a partecipare numerosa alla serata di venerdì 2 novembre: un’iniziativa importante rivolta a tutta la cittadinanza”. La serata è proposta dal Comune in collaborazione con l’Ulss 7 Pedemontana e ha per titolo “Il cancro non ha età. Prevenzione, Diagnosi e Cura della Patologia Mammaria, parliamone…” . Interverranno i medici Roberto Deganello e Angelina Rizzotto (radiologia), Genesio  Leo e Barbara Pertoldi (anatomia patologica), Enrico Di Marzio e Pietro Mainente (chirurgia), Franco Bassan (oncologia) ed Emilia Laugelli (psicologia clinica). L’evento è realizzato con il sostegno di Raggio di Sole, Fucsiawonderbra ed  Andos onlus. L’ingresso è libero (inizio ore 20,30).

Ascolta il Radiogiornale di oggi!