FaiZanè Olimpia Volley, il piano B è quello vincente. Promozione centrata

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Le immagini sono presenti nella pagina ufficiale Olimpia Zanè

Il piano (serie) B riesce alla perfezione. Magari con un pizzico di ritardo rispetto ai desideri o propositi iniziali – come recita la maglietta celebrativa -, ma ciò che conta è il traguardo raggiunto per ricevitori, alzatori, liberi e schiacciatori del Faizanè Olimpia Volley: la promozione in serie B. Che, insieme all’accoppiata Trofeo Veneto Mikasa e Coppa Triveneto, completa una stagione memorabile che (ri)catapulta la pallavolo di Zanè sui palcoscenici nazionali. Per la gioia di capitan Poletto e compagnia.

L’unica macchia di un’intera annata – lo sgambetto subito per mano dell’Aduna – aveva lasciato giusto un alone, cancellato poi senza indugio dalla raffica di vittorie nei playoff, conclusi con il derby vinto a doppia mandata con il Sefamo Povolaro con un 3-0 secco a Dueville e replicato sabato sera a Zanè in uno palasport traboccante di entusiasmo. In semifinale, il benservito era stato rifilato ai padovani del Piove di Sacco con identico punteggio, segno che i beniamini del volley zanediensi non avevano nessuna intenzione di rischiare oltre.

Bastava un solo set nel match di ritorno agli alfieri del coach Ugo Soliman, ma una volta messo giù il punto del 25-17 da Sgrò scatta il boato che ripaga di un anno di fatiche. Per poi condire la torta con gli altri due parziali (25-15 e 25-22 nel terzo e più combattuto set) che completano l’opera. All’andata analogo 3-0 con brividi solo nel primo dei tre round (25-22, poi due set vinti 25-16) e di fatto l’appuntamento per la festa-promozione prenotato per sette giorni dopo in casa-base, di fronte al proprio pubblico e al primo cittadino Roberto Berti, tifoso in prima linea.

“We’re Back” con la lettera B in grassetto sarà lo slogan della serata di festa, anzi, della lunga nottata della squadra dominatrice del campionato e che ha però dovuto sudarsi fino in fondo il pass per salire di categoria, dopo tre anni di limbo serie C.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!