Elezioni, affluenza alle 23 di ieri: 47% per le Regionali in provincia. A Posina 1 su 4 al voto

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Si vota fino alle 15 di oggi

Si naviga in media intorno alla metà degli aventi diritto al voto la percentuale dei vicentini adulti che si sono recati alle urne domenica, nel primo dei due giorni dedicati alle elezioni regionali e al referendum confermativo sul taglio dei parlamentari. Inoltre, in 6 comuni della provincia si sceglie anche il nuovo sindaco.

Da ricordare che i seggi allestiti nei vari comuni in scuole, palasport e altre strutture adeguate per le operazioni di voto sono stati riaperti alle 7 di stamane. Alle 15 di oggi, invece, avverrà la chiusura definitiva delle urne e l’inizio dello spoglio delle schede. Si inizierà dal quesito referendario.

Nel Vicentino alle 23 di ieri sera, orario di chiusura serale dei seggi, aveva votato circa il 47% dei cittadini (46,98% per la precisione) per quanto concerne il rinnovo del Consiglio Regionale, secondo i dati del Ministero dell’Interno. Si è votato sensibilmente di più rispetto al dato complessivo in Veneto, dove il 46,13% degli elettori si è già recato alle urne, la regione italiana con maggior affluenza tra quelle chiamate a rieleggere presidente e componenti dell’assemblea.

Per quanto riguarda il referendum che riduce di circa un terzo il numero dei parlamentari eletti alle 23 di ieri si è sforata la soglia solo simbolica – non è previsto alcun quorum di votanti – del 50% a Vicenza e provincia: il 52,70% ha già espresso la propria preferenza (meglio solo Padova e provincia). In questo caso, il dato locale provinciale è più “abbondante” rispetto quello regionale, che si assesta al 51,04%. Solo in Trentino Alto Adige (54,4) e Valle d’Aosta (56,3) si registrano percentuali più alte di votanti “domenicali”.

Il dato relativo alle Comunali per il Veneto vede il 48,36% dei votanti già con scheda inserita nello scatolone nei 40 comuni in cui si elegge un nuovo primo cittadino. Tra questi i vicentini Lonigo, Malo, Recoaro Terme, Albettone, Cogollo del Cengio e Posina. In questo sestetto agglomerato hanno votato il 50,4% nel corso del primo giorno disponibile. A Cogollo del Cengio l’affluenza più sostanziosa finora (54,44%), seguito da Malo (52,17%), Lonigo (51,02%), Albettone (49,69%), Recoaro Terme (48,98%) e fanalino di coda il piccolo comune montano di Posina: lì in meno di 1 su 4 si sono espressi, appena il 22,45%.