Comprare bitcoin da soli? A Vicenza un incontro sul tema

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Si possono comprare bitcoin in autonomia? E’ sicuro farlo? Con che strumenti si può fare? Se siete interessati a questo e a tutto ciò che circonda la criptovaluta più famosa al mondo, segnatevi questa data in calendario: Vicenza, 30 maggio, presso la sede dello Studio Quadra (strada di Casale 98). Biglietti a questo link. A tenere l’incontro, il team di Next Generation Currency. Workshop della durata di un giorno che chiarirà tutti i vostri dubbi sull’ecosistema di bitcoin e della blockchain.

Blockchain che sembra rimescolare un po’ le carte in tavola e se anche un intermediario tradizionale come Banca Generali guarda con interesse agli investimenti nelle nuove tecnologie, la possibilità di creare un ecosistema italiano all’avanguardia nell’innovazione tecnologica, fa ben sperare. Lo dimostra il lancio all’interno di Generali di Lux IM, una sicav (società di investimento a capitale variabile) concentrata proprio su comparti innovativi come il fintech e la blockchain.

Se le istituzioni italiane stanno iniziando a muoversi per comprendere e sviluppare la tecnologia della catena di blocchi (blockchain), alcune grandi multinazionali come IBM, Microsoft, Goldman Sachs e JP Morgan hanno da tempo capito la rivoluzione in atto. Creando team di ricerca e sviluppo cercano di intuire quali sono le applicazioni e le funzionalità che blockchain può avere nel prossimo futuro.

L’Italia, oggi, conta circa 28 start up di settore, numericamente inferiori a Stati Uniti e Cina ma forte di una community molto attiva e prodiga per lo sviluppo di questa innovazione. Dal punto di vista associativo spicca il Blockchain Educational Network che si propone di diffondere all’interno del mondo accademico la conoscenza del protocollo Bitcoin e della sua tecnologia sottostante, la blockchain. I progetti di settore sono in forte crescita, tra queste grandeggiano alcune realtà come Chainside, HelperBit e GreenAddress.

La realtà vicentina è in movimento, Confindustria Vicenza spicca tra le prime organizzazioni nel 2018 ad aver colto l’innovazione creando un evento dove fosse possibile alfabetizzare coloro che si volevano avvicinare al mondo Bitcoin e blockchain. Dal punto di vista dell’informazione le due testate di maggior rilievo, L’Eco Vicentino e il Giornale di Vicenza, curano delle rubriche dove informano periodicamente i propri lettori sulle ultime novità relative alle criptovalute e a blockchain. La Regione Veneto, il 27 giugno, terrà nella provincia vicentina un evento che discuterà le applicazioni della blockchain nella pubblica amministrazione, cercando di capire come possa migliorare l’interoperabilità tra le istituzioni, la trasparenza e la sicurezza, cercando di abbattere i costi e rendere più efficiente un apparato così regolamentato.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!