Dopo Montebello, Vicenza: al via i sequestri nel palazzo di Zonin

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Bis di sequestri preventivi per i beni dell’ex presidente della Popolare di Vicenza, Gianni Zonin. Dopo l’inventario la settimana scorsa nella villa in centro a Montebello, stamattina l’ufficiale giudiziario ha suonato infatti il campanello della dimora di Zonin a Vicenza, in contrà del Pozzetto 3.

Anche questa volta, insieme all’ufficiale giudiziario, gli avvocati Bertelle e Vettore, che rappresentano gli interessi di circa 300 azionisti. Anche nella residenza a tre piani di oltre 700 metri quadrati in centro storico (che anche in questo caso risulta ceduta da Zonin e che non è abitata da tre anni), si sta procedendo ad inventariare quanto presente e verranno apposti i sigilli previsti dai sequestri conservativi decisi dal gup Roberto Venditti. Ad aprire la porta all’ufficiale giudiziario, una dipendente, mentre sta assistendo alle operazioni anche l’avvocato di Zonin – che era al corrente della”visita” – Enrico Ambrosetti.

Fra gli oggetti e gli arredi inventariati, anche una cassaforte all’interno della quale, beffardamente, erano presenti una banconota da 100 mila lire e qualche moneta straniera. Perplessi gli avvocati sul fatto che nessuno dei quadri inventariati finora sia dotato del certificato di autenticità. L’attività dell’ufficiale giudiziario proseguirà anche nei prossimi giorni.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!