Mattarella, Gentiloni, otto ministri e 1200 sindaci a Vicenza da domani per l’assemblea Anci

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Da domani Vicenza sarà per tre giorni il cuore pulsante degli enti locali italiani. La tre giorni dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, presentata oggi a Palazzo Trissino e intitolata “#cittàpuntozero. Immagina il domani, governa l’oggi”, si svolgerà infatti in Fiera dall’11 al 13 ottobre.

Quasi 1.200 gli amministratori già registrati, oltre settemila gli operatori del settore attesi, 126 i giornalisti accreditati, 106 i relatori, 8 i ministri, 5 i sottosegretari, e poi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al premier Paolo Gentiloni: sono questi i dati salienti della 34° assemblea nazionale dell’Anci. In parallelo ai lavori istituzionali, previsto anche AnciExpo, l’incontro di grandi nomi del mondo dell’imprenditoria, con oltre 150 stand in una superficie espositiva di 10 mila metri quadrati, con oltre 60 convegni.

“Siamo orgogliosi – afferma il sindaco di Vicenza Achille Variati – di ospitare questo appuntamento fondamentale nell’agenda politica nazionale. Vicenza per tre giorni sarà il centro della riflessione politica. Diamo il benvenuto ai sindaci d’Italia, al Presidente della Repubblica e ai membri del Governo, con l’auspicio che da questa assemblea possano nascere idee e proposte in grado di far crescere la qualità della vita per le comunità che siamo stati chiamati ad amministrare. I sindaci rappresentano i Comuni, ovvero le comunità locali che oggi costituiscono il collante del Paese. In questa assemblea tratteremo temi forti, tra cui l’accoglienza dei richiedenti asilo, la sicurezza nelle città, l’ambiente, le periferie e anche l’autonomia. Ma per chi verrà ad ascoltarci sarà difficile distinguere i diversi colori politici che ci contraddistinguono, perché i sindaci sanno parlare in nome e per conto dei propri cittadini. Quanto alla nostra città, sono certo che i nostri ospiti avranno modo di apprezzarne le bellezze, a partire dalla Basilica palladiana che visiteranno mercoledì sera, diventando ambasciatori di Vicenza una volta rientrati nelle proprie realtà”.

Le sessioni di confronto tra sindaci, amministratori, parti sociali, mondo politico e imprenditoriale ruoteranno intorno a tre concetti chiave: la natura, l’economia, le persone. L’assemblea di Vicenza sarà il momento per ricordare, dati alla mano, i processi già avviati nei Comuni e proporre soluzioni nuove per il loro rilancio e il loro perfezionamento. “Con ‘Cittapuntozero’ l’associazione dei Comuni evoca un cambiamento in cui è la città la variabile di moltiplicazione per guardare al futuro – afferma il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro -. In tal senso, i Comuni continuano a dare prova di impegno per un rinnovamento reale che si concretizzi in uno sviluppo economico attento all’ambiente e alle persone”.

“Parleremo di ciò che di buono e bello fanno i nostri Comuni – aggiunge il segretario generale dell’Anci Veronica Nicotra – della loro condivisione e affermazione a livello nazionale. Temi sui quali i Comuni si sono ritagliati un ruolo da protagonisti, e che ci proponiamo di imporre come Agenda urbana nazionale”. “La scelta del Veneto come sede ospitante – dichiara il presidente di Anci Veneto Maria Rosa Pavanello – è un segnale di attenzione verso una regione che, da sempre, è un modello per la buona amministrazione nei Comuni”.

La cerimonia di apertura, mercoledì 11 ottobre, vedrà alle 16 la relazione del presidente dell’Anci Antonio Decaro, e si svolgerà alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Durante i tre giorni, ai lavori dell’assemblea plenaria parteciperanno oltre che numerosi sindaci e illustri nomi dell’imprenditoria, il premier Paolo Gentiloni ed i ministri Gianluca Galletti (Ambiente), Graziano Delrio (Infrastrutture e Trasporti), Maurizio Martina (Politiche agricole), Giuliano Poletti (Lavoro); Claudio De Vincenti (Coesione territoriale), Anna Finocchiaro (Rapporti con il Parlamento), Andrea Orlando (Giustizia) e Marco Minniti (Interno).

Ascolta il Radiogiornale di oggi!