Lupi in Altopiano: il recinto elettrificato non basta. Uccise 4 pecore al Rifugio Verenetta

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Collage di immagini dalla zona del Rifugio Verenetta sull'Altopiano

Un branco di lupi azzanna e uccide quattro pecore di una razza rara, nei pressi del Rifugio Verenetta posto nel territorio alpino di Mezzaselva di Roana, a due passi dall’impianto sciistico. I corpi spolpati degli animali d’allevamento sono stati ritrovati nella neve dai proprietari, dopo un blitz notturno predatorio avvenuto nei giorni scorsi sull’Altopiano di Asiago, sul Monte Verena. A nulla è valsa la presenza di un recinto esterno protetto da fili elettrificati che avrebbe dissuaso i carnivori ad oltrepassarlo, ma che le pecore – di razza “naso nero del Vallese”, una specie rara – avrebbero divelto per istinto di sopravvivenza, in preda al panico, di fatto consegnandosi al banco di predatori.

Una misura preventiva, quella di una idonea recinzione a impulso elettrico alta circa due metri, consigliata dai tecnici regionali ed esperti di tutela. Una misura di precauzione che lasciava dormire sonni tranquilli, insomma, almeno fino alla scorsa settimana, i proprietari degli ovini, una decina di capi in tutto liberi di pascolare nel cortile. Un mattino all’alba l’amara sorpresa per i gestori, stupiti oltre che mortificati nel ritrovarsi a raccogliere le quattro carcasse delle pecore uccise, sbranate una volta uscite allo scoperto.

Sei esemplari, invece, sarebbero scampati all’assalto rifugiandosi nel bosco, ritrovati impauriti ma in vita il mattino seguente. Altre segnalazioni riguardanti capi di bestiame assaliti sono giunte nei giorni scorsi, rinfocolando il dibattito sui social media riguardo la presenza dei canidi sull’Altopiano.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!