La Rosabel ritorna a vivere: nasce l’Opificio Rossi

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
L'entrata dell'Opificio Rossi

La ex fabbrica Lanerossi-Rosabel dopo 15 anni di abbandono totale tornerà ad essere luogo di lavoro e produzione a Torrebelvicino. Lo storico monumento industriale simbolo del Comune turritano diventerà infatti l’Opificio Rossi, uno spazio polifunzionale aperto ai cittadini per iniziative culturali, formative ed economiche. A partire dal Campionato Italiano di Trial, che ruoterà attorno allo stabile nel prossimo weekend.

“Quando ci siamo insediati dopo le elezioni ci siamo chiesti quali erano gli interventi da fare – ha esordito il Sindaco Emanuele Boscoscuro – e il recupero di questo spazio era una delle priorità, anche se molto difficile”. La Rosabel è stata utilizzata come stabilimento produttivo laniero da Alessandro Rossi, che la fondò nel 1873. La fabbrica fu un volano di crescita incredibile per Torrebelvicino, che grazie allo stabilimento raddoppiò la sua popolazione residente nell’arco di 25 anni, passando da 2500 ai circa 5500 che ancora oggi permangono. Per questo motivo dai turritani è ritenuta inequivocabilmente il simbolo della città, luogo di grande significato per il territorio.
Oggi questo spazio grazie al lavoro di più di 90 volontari sta ritornando a vivere. Da marzo infatti sono partiti i lavori di recupero dell’area che si estende per più di 20mila metri quadrati, concessa in comodato d’uso gratuito al Comune dal proprietario. Un lavoro concertato dall’Amministrazione comunale e dai volontari che si sono radunati sotto il cappello di “Amici dell’Opificio in moto”, un gruppo trasversale di persone che ha a cuore il recupero di questo luogo del cuore per la comunità e che ne curerà lo sviluppo. “Attraverso il lavoro di un ragazzo del posto questo spazio diventerà la casa di una nuova attività produttiva – ha proseguito Boscoscuro – uno spazio polifunzionale che servirà a ristabilire il contatto con la nostra storia”. “E’ una scommessa enorme che dobbiamo vincere – gli ha fatto eco Erminio Pretto, presidente della Pro Loco – ci siamo fatti veramente ‘il mazzo’ per ripulire gli effetti di tanti anni di incuria”.
Il primo evento che coinvolgerà la seconda vita dell’Opificio Rossi sarà la 7° e ultima prova del Campionato Italiano Trial, che si correrà a Torre il prossimo fine settimana. Tre giorni che ruoteranno attorno allo stabile, dove sarà allestita una mostra di 50 moto ed auto d’epoca affiancata da stand gastronomici e musica.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!