Renzi show a Vicenza: “Non è giusto che Bpvi, un gioiellino, finisca distrutta” (video)

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Matteo Renzi al Teatro Comunale di Vicenza

Ha parlato di fiducia, di riforme, di cambiamento. Quasi un’ora di comizio, avanti e indietro dal palco, per promuovere il «sì» al referendum costituzionale del 4 dicembre. Di passaggio tra Verona e Mestre, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ieri sera si è fermato un’ora e mezza a Vicenza. E al Teatro Comunale, davanti ad una platea di politici (in prima fila i sindaci, capitanati da Achille Variati, e i politici locali del Partito Democratico) e di cittadini, con le oltre novecento poltroncine tutte occupate, il premier non si è risparmiato.

Tra battute e applausi ha spiegato cosa secondo il governo non va del sistema attuale, che prevede il bicameralismo paritario. Ma, aldilà della riforma costituzionale, a Vicenza Renzi ha ricavato venti minuti per parlare con alcuni rappresentanti delle categorie economiche (il presidente di Confartigianato Agostino Bonomo e il collega di Apindustria Flavio Lorenzin) e dei sindacati (il segretario della Cisl Raffaele Consiglio e la collega della Uil Grazia Chisin) dei problemi locali.

Uno su tutti: la Banca Popolare di Vicenza, dai timori degli imprenditori che hanno visto azzerarsi il valore delle azioni, alle famiglie che hanno perso i loro risparmi, fino ai lavoratori che ora rischiano il posto. Renzi sul punto è stato chiaro: “La vicenda delle banche è impressionante, per decenni per colpa della politica nazionale e in alcuni casi di quella territoriale si è accettato che il sistema delle Popolari fosse fuori controllo. Una delle prima cose che noi abbiamo fatto è stato modificare la regola, per evitare che qualcuno potesse diventare padre-padrone della Popolare. Bisogna fare pulizia del passato, fare le azioni risarcitorie e di responsabilità e dare futuro a queste banche facendoci sentire in Europa. Chi ha sbagliato deve pagare, non è giusto che una banca come quella di Vicenza, che era un gioiellino, venga distrutta”.

Non è mancato un accenno alla Superstrada Pedemontana Veneta, l’infrastruttura ora ferma (con molti cantieri iniziati) per un’impasse nei finanziamenti. “C’è bisogno di farla ripartire – ha detto ai microfoni – l’impegno mio e del ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio è di fare tutto ciò che serve per rimuovere ostacoli e dare futuro a questa opera strategica”.

Fuori dal teatro un gruppo di una trentina di persone (del sindacato Cub e dei No Dal Molin) ha manifestato contro la presenza del premier in città con uno striscione che recitava: “Cacciamo il governo delle grandi opere”, sotto il controllo di una folta schiera di carabinieri e agenti della polizia.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!