Si conclude la riqualificazione del centro storico, lunedì riapre al traffico piazza Dante Nord

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Si è completato anche l’ultimo periodo di maturazione della nuova pavimentazione di piazza Dante nord a Valdagno e da lunedì 6 febbraio tutto è pronto per la riapertura ufficiale al traffico. Si conclude così il grande cantiere che, stralcio dopo stralcio, dal 2006 ha portato alla complessiva riqualificazione del centro storico valdagnese.

L’intervento di piazza Dante nord, ultimo in ordine cronologico ad essere realizzato, ha visto un investimento complessivo di 490mila euro, finanziati per 392mila nell’ambito del Fondo Sviluppo e Coesione ed erogati dalla Regione Veneto. L’importante contributo è stato reso possibile grazie all’azione dell’Intesa Programmatica d’Area dell’Alto Vicentino.

Da lunedì, quindi, il traffico veicolare potrà continuare a scendere lungo Discesa Dante per raggiungere il parcheggio di Piazzale Div. Acqui o immettersi sulla Provinciale 246. I mezzi potranno accedere al centro o alla Provinciale anche lungo Salita Dante, che potrà essere percorsa in entrambi i sensi di marcia, grazie all’allargamento realizzato nel corso dei lavori. Verrà inoltre ripristinato il senso unico a scendere di Via Don Bosco.

In attesa dell’arrivo, entro la primavera, degli elementi che andranno a comporre l’arredo urbano finale della piazza (sedute, piante, posteggi per biciclette, illuminazione pubblica e dissuasori per le aree pedonali) i parcheggi rimarranno a sosta libera, mentre successivamente verranno regolamentati con la posa dell’opportuna segnaletica.

L’intero progetto di riqualificazione del centro ha visto un investimento di oltre 3 milioni di euro, finanziati quasi un milione di euro attraverso contributi erogati dalla Regione Veneto. Accanto a questi vanno ad aggiungersi 494 mila euro, finanziati per 172,9 mila da un contributo regionale nell’ambito di un progetto di sviluppo dei distretti del commercio.

Gli interventi più importanti hanno riguardato la posa dei sottoservizi, in particolare gli allacci alla rete fognaria che storicamente mancavano in diverse zone del centro. A completamento è stata uniformata la pavimentazione in porfido e marmo grolla per donare una nuova veste alle vie coinvolte.

«Con la riapertura di Piazza Dante nord – è il commento del sindaco di Valdagno, Giancarlo Acerbi – si conclude il grosso degli interventi che hanno coinvolto in questi anni il centro storico e che oggi ce lo restituiscono con un’immagine rinnovata. Se per certi aspetti potrebbe sembrare che si sia trattato solamente di una nuova pavimentazione, gli interventi principali, come più volte spiegato, sono quelli che non si vedono e che hanno riguardato la posa e l’adeguamento dei sottoservizi. Ringrazio i cittadini e gli operatori del centro storico per la pazienza e la collaborazione, anche critica, che ci hanno dimostrato in questi anni. Ora all’estetica del centro occorre abbinare un rilancio della sua funzionalità e attrattività, grazie anche a specifici contributi ai quali possiamo accedere come già fatto nell’ambito del programma integrato di “rivitalizzazione dei centri storici e urbani e riqualificazione delle attività commerciali” e il più recente progetto di sviluppo dei distretti del commercio».

Le fasi di rinnovamento del centro storico di Valdagno hanno visto nel 2006 la creazione della nuova Zona a Traffico Limitato; fra il 2008 e il 2011 la realizzazione dei lavori per il primo stralcio della riqualificazione del centro storico (sottoservizi, pavimentazioni, arredo), su corso Italia, piazza del Comune, via Marconi e via Manin, per complessivi 1,6 milioni di euro; nel 2013 l’assegnazione di un contributo regionale per un programma integrato di “rivitalizzazione dei centri storici e urbani e riqualificazione delle attività commerciali” (400mila euro, con un contributo regionale di 200mila), su piazza del Mercato e parte di piazza Dante; nello stesso anno vi è stato il contributo europeo per il progetto della “porta sud”, su piazza Roma, via Garibaldi e via Mastini, (per complessivi 600mila euro, con un contributo di 360mila euro); nel 2014 è stata la volta del contributo regionale per la riqualificazione della “porta nord”, su piazza Dante nord (per complessivi 490mila euro, con un contributo di 392mila); infine nel 2015 è giunto il contributo regionale nell’ambito di un progetto di sviluppo dei distretti del commercio (per complessivi 494mila euro, con un contributo di 172,9mila euro).

Ascolta il Radiogiornale di oggi!