Il Bassano Virtus piange Ezio, per 55 anni scopritore di talenti in giallorosso

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Ezio Maddalozzo con sullo sfondo uno scorcio della tribuna dello Stadio Rino Marcante

Ezio Maddalozzo, tifosissimo giallorosso e per circa 55 anni osservatore e dirigente del Bassano Virtus Soccer Team, ha concluso la sua ultima partita e stamattina verrà salutato dai suoi “tifosi”. Coloro che lo hanno conosciuto, apprezzato, incrociato sul cammino nei 75 anni di vita terrena, buona parte dei quali trascorsi a bordocampo, per seguire con occhi attenti e perspicace intuito quel calcio e quei talenti del pallone che lo appassionavano. Ed è tanto facile quanto lecito pensare che parecchi di quei ragazzini in erba, alcuni ormai adulti e qualcuno magari anche con qualche ciuffo brizzolato, si recheranno oggi alle 11.30 nella chiesa dei Frati del Margnan per l’ultimo saluto e per un abbraccio alla famiglia di Ezio.

Ancora oggi il dirigente faceva parte dello staff di osservatori del settore giovanile, a pieno titolo inserito nell’organigramma nonostante le condizionali di salute precarie degli ultimi tempi. Questo il messaggio di cordoglio apparso sulla bacheca web officiale del club:

Una triste notizia ha colpito l’ambiente giallorosso poche ore fa. Ci ha lasciato Ezio Maddalozzo, nostro storico osservatore del Settore Giovanile e grande tifoso giallorosso. Ha collaborato con la nostra società con diversi incarichi fin dal 1963, vedendo crescere con grande soddisfazione negli ultimi anni diverse nuove leve. La presidenza, i soci, la dirigenza, lo staff tecnico, la prima squadra, tutto il nostro settore giovanile e le persone che collaborano con la nostra società desiderano esprimere le più sentite condoglianze alla moglie Mimma, ai figli Laura e Renato e a tutti i loro cari. Ciao Ezio!”

Un ricordo commosso e un attestato di stima sentito da parte dell’intero staff del Bassano Virtus, di cui costituiva un puntello inamovibile e fermo, forte della sua esperienza e competenza e “savoir faire” con i giovani del vivaio. Senza mai dimenticare l’umanità, la simpatia, la battuta pronta che lo rendevano affabile oltre che persona affidabile. Una lunga malattia lo ha messo a dura prova negli ultimi tempi, colpendolo nel fisico ma senza scalfirgli in nessun modo la passione che lo ha portato a sostenere i colori giallorsossi fino all’ultimo.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!