Motoseghe contraffatte vendute per strada, la nuova truffa sventata dai carabinieri

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Le motoseghe sequestrate dai carabinieri

Quattro finte motoseghe Skil, in realtà dei cloni cinesi fatti male e addirittura pericolosi. I militari di Bassano le hanno sequestrate a Rosà nei giorni scorsi  ad un 50enne napoletano, pregiudicato: l’uomo tentava di venderle ai passanti, fingendosi un commerciante in difficoltà.

La chiamata è giunta ai carabinieri giovedì mattina, da alcuni residenti di viale Roma: un tipo sospetto su una Fiat Grande Punto, che fermava la gente per strada e poi si spostava un po’ più in là. I militari sono intervenuti con la pattuglia del radiomobile e quella della stazione di Romano d’Ezzelino, trovando un 50enne napoletano che, sull’auto, si è dimostrato subito molto nervoso. I militari hanno perquisito la macchina, trovando nel bagagliaio le motoseghe contraffatte.

L’uomo, già pregiudicato per reati predatori, è stato denunciato per vendita di merce contraffatta, falsa e priva della marcatura CE. Le quattro motoseghe sono state sequestrate: si tratta di prodotti di scarsissima qualità, con plastiche non coincidenti e parti metalliche non robuste a sufficienza. Provarle su della legna, probabilmente, avrebbe portato alla rottura della catena, con pericolo per l’utilizzatore e per chi fosse stato intorno. Probabilmente sarebbero state vendute a 200 euro l’una.

La truffa in questo caso non è andata a segno: l’indicazione dei militari della Compagnia di Bassano, anche in questi casi, è di diffidare del tutto di prodotti venduti a un prezzo estremamente inferiore a quello di mercato.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!