Fogolare veneto – Gnochi de patate alla vecia maniera

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

El venare a Vicenza, così come in altre città del Veneto e prima fra tutte Verona, è sempre stato gnocolaro. La tradizione è antichissima, risale a 500 anni fa, ed antico è anche il condimento che si è tramandato di generazione in generazione senza subire alcuna variante. 

 

Ingredienti e dosi per 4 persone

Per gli gnocchi: 
Patate farinose un chilo
Farina bianca da 200 a 250 g
Sale 
Un cucchiaio di olio d’oliva
Un cucchiaio di grappa
Un uovo

Per il condimento
Burro 150 g
Zucchero semolato 40 grammi
Cannella in polvere 20 grammi

 

Lavare le patate e metterle a lessare con la buccia in acqua fredda. Quando sono tenere, scolarle e pelarle finché sono ancora bollenti, quindi passarle allo schiacciapatate o al passaverdura. 

Unire al passato la farina, l’uovo intero prima sbattuto a parte, sale in giusta quantità e quindi l’olio d’oliva e la grappa. 

Impastare velocemente formando un impasto sodo. Tagliare a fette e arrotolarlo sulla spianatoia infarinata formando dei cilindretti grossi quanto un dito. Dividerli a pezzetti della lunghezza voluta e passarli sul retro della grattugia lasciandoli cadere su un largo tovagliolo infarinato.

Cuocerli in abbondante acqua a bollore salata e quando salgono a galla, scolarli con il mestolo forato mettendoli in un recipiente di terraglia a pochi per volta, irrorandoli con il burro fuso, leggermente dorato e cospargendoli con lo zucchero e la cannella mescolati insieme.

Vino consigliato: Pinot bianco dei Berici

Ricetta tratta dal libro “La cucina vicentina” di Amedeo Sandri e Maurizio Falloppi, acquistabile nelle migliori librerie e shop online.