Eʼ allarme per le aggressioni ai medici nei Pronto soccorso

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Le aggressioni al personale medico sono diventate un’emergenza nei Pronto soccorso italiani. Infatti dal 1 marzo al 30 aprile 2017, in 2 Ps su 3 si è verificata almeno un’aggressione fisica. L’indagine è stata svolta della Società italiana di medicina di emergenza urgenza (Simeu) su un campione di 218 Ps, pari al 33% di quelli presenti in Italia (667).

Le strutture presenti nel campione sono distribuite nelle 20 regioni e comprendono 53 Pronto Soccorso semplici, 111 Dipartimenti Emergenza Accettazione (DEA) di primo livello e 54 di secondo livello ovvero afferenti a strutture ospedaliere più grandi e complesse.

Inoltre, secondo le testimonianze raccolte dalla società scientifica, nell’ultimo anno la situazione è “sensibilmente peggiorata in tutte le regioni senza contare – denuncia Francesco Rocco Pugliese, presidente nazionale Simeu  – aggressioni verbali e intimidazioni”.

E ancora: “L’emergenza-urgenza è sola davanti al profondo cambiamento in atto un cambiamento epocale che richiede una profonda trasformazione organizzativa, per far fronte al mutare delle richieste di salute dei pazienti, sempre piu’ anziani e pluripatologici, e alle trasformazioni in atto nel sistema sanitario”.

“L’aggravarsi delle violenze contro il nostro personale sanitario è certamente anche frutto di un disallineamento fra la realtà quotidiana e la direzione strategica delle politiche sanitarie nazionali”. Il sovraffollamento, sottolinea, “principale causa di difficoltà fra medici e pazienti, è un problema non solo stagionale ma endemico dei nostri Pronto soccorso. Tuttavia resta senza soluzione”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!