14 anni dopo identificato anche il terzo bandito della rapina alle Poste

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
un momento di una conferenza stampa con il comandante della Compagnia di Schio dei Carabinieri, Capitano Vincenzo Gardin

Era il 30 gennaio 2003 e una banda rapinava l’ufficio delle Poste di via Rompato: bottino, 290 mila euro. Oggi, a quasi 14 anni di distanza, i Carabinieri di Schio al termine di una specifica attività investigativa hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza per concorso in rapina aggravata il pregiudicato M.F., 48enne napoletano, che attualmente è in carcere alla casa circondariale di Milano-Opera per altri reati.

Sul suo conto sono state effettuate verifiche tecniche molto puntuali, che insieme agli accertamenti condotte dal Ris – Reparto Investigazioni Scientifiche – di Parma, hanno permesso di confermarne la partecipazione a quella violenta rapina: i banditi, armati di pistola e cacciaviti, fecero irruzione nei locali, minacciando gli impiegati e impossessandosi di 90mila euro in contanti e di circa 200mila euro in valori bollati.

Le precedenti indagini avevano già permesso la condanna nel 2010 di due pregiudicati partenopei: Salvatore Falagario, 45 anni, e Giuliano Raia, 40 anni, ad oltre 5 anni di reclusione e al risarcimento dei danni patrimoniali
quantificati in oltre 350mila euro. Oggi si è chiuso il cerchio anche attorno al terzo complice.