Ruba al supermercato e lo fermano, per vendetta buca per mesi le gomme al direttore

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
L'auto dei carabinieri (immagine di archivio)

Una volta può essere un chiodo arrugginito per terra. Un’altra un coccio di vetro. Ma quando sposti la macchina altrove e, al termine del lavoro, trovi sempre le gomme a terra, qualcuno ce l’ha con te. E’ quanto hanno pensato, nelle scorse settimane, il direttore e una dipendente del supermercato Prix Quality di via Scremin a Marostica: pur cambiando posto ai propri veicoli al mattino, da febbraio a maggio avevano dovuto più volte cambiare le gomme trovandole bucate all’uscita. I due hanno denunciato tutto ai carabinieri della stazione di Marostica, che hanno indagato e sono risaliti al responsabile: K.A., cittadino albanese di 58 anni residente nella cittadina del Bassanese, è stato denunciato per danneggiamento aggravato continuato. L’uomo aveva voluto vendicarsi dei due dipendenti, che a gennaio l’avevano sorpreso a rubare dentro il supermercato e avevano fatto sì che fosse fermato dalle forze dell’ordine.

Quando i due dipendenti hanno fatto denuncia, i carabinieri hanno controllato le gomme e le forature. Secondo l’esame degli uomini dell’Arma i danni erano stati fatti con oggetti appuntiti quali cacciaviti o coltelli, inseriti con forza e decisione: una ritorsione, probabilmente. Le ricerche si sono fatte serrate (gli investigatori non potevano escludere un’escalation di violenza) e l’attenzione si è concentrata su un episodio del gennaio scorso in cui direttore e dipendente avevano allertato la stazione di Marostica per un tentato furto di generi alimentari. Il ladro, il 58enne albanese, era stato denunciato. I militari hanno iniziato a tenerlo d’occhio e l’hanno bloccato proprio mentre si allontanava dal parcheggio del Prix. L’uomo, piuttosto agitato, è stato perquisito: con sé aveva un coltello e un cacciavite. Pressato dalle domande, lo straniero ha confessato. Aveva forato le gomme per la denuncia di gennaio: secondo lui, quel furto era di poco conto.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!