#Vicenzaore8 #Summeredition – Centri estivi

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Se non hai figli che improvvisamente il 30 giugno finiscono di andare alla scuola materna per rimanere h24 con te, su di te, addosso a te, contro di te, non puoi capire quanto si arrivi ad amarli (i centri estivi, non i figli).

Parti a febbraio a documentarti, cercare, confrontare e confrontarti, decidi se per il tuo pargolo sia più indicato il corso di campana tibetana o quello su come fare il formaggio di capra, se mezza giornata o fino alle quattro, se con pranzo o con panino, se in città o fuori. Fai rapidamente i conti di quanto ti costerà, fai un infarto, poi risorgi e fai finta di dimenticartene. I soldi non sono (proprio) tutto. Sopravvivere è (molto) più importante.

Opti per lo stesso centro estivo dell’anno scorso, in cui il pupo si è cimentato in arrampicata di ulivi, scavi geologici, entomologia (leggi: insetti di ogni forma e dimensione, vivi e morrrti, più o meno spiaccicati, a cui devi fare buon viso e anche qualche complimento); fai i salti mortali per procurarti una seconda macchina per l’estate (notoriamente la tua è una famiglia monoauto per scelta) perché è un posto bellissimo-nella-natura-incontaminata ma lontano. Compili mille moduli in cui dichiari che tuo figlio può venire morso da un caimano e a te sta bene lo stesso, non ti arrabbierai.

Ti sveni per pagare.

Ma sei ampiamente ripagata dall’entusiasmo del figlio che, appena scende dall’auto, con aria annoiata guardandosi in giro ti chiede: “Quando vieni a prendermi? Sono già stufo”.

#vicenzaoreotto #summeredition

Ascolta il Radiogiornale di oggi!