Venezuela. la costituente occupa il parlamento. Ancora proteste

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Non accenna a placarsi la situazione politica in Venezuela. La nuova Assemblea costituente promossa dal governo di Nicolas Maduro si è insediata nell’emiciclo del Palazzo federale legislativo, dove si svolgevano le sessioni del Parlamento unicamerale controllato dall’opposizione, e si è dichiarata organismo supremo, attribuendosi poteri al di sopra di tutte le strutture dello Stato venezuelano. “Il potere costituito è subordinato a questa Assemblea”, ha annunciato la presidente Delcy Rodriguez.

Rodriguez dopo aver assunto la presidenza della Costituente, è entrata in contatto con Julio Borges, il presidente del Parlamento, controllato dall’opposizione, per spiegargli “la necessità di convivere con questo potere costituito”, ma da Borges è arrivano un secco no.

A Caracas quindi sono presenti di fatto due Assemblee nazionali in aperto conflitto tra di loro: da un lato il Parlamento controllato dalle formazioni anti-Maduro, dall’altro l’Assemblea costituente eletta il 30 luglio per volere del presidente chavista, con il compito di rivedere il funzionamento delle istituzioni repubblicane.

Intanto il governo Maduro è sempre più osteggiato dagli stati del continente americano. I rappresentanti di 13 paesi riunitisi ieri nella capitale peruviana Lima,hanno infatti approvato una dichiarazione comune in cui si denuncia “l’interruzione dell’ordine democratico” in Venezuela e si dichiara “illegittima” l’Assemblea costituzionale promossa dal governo di Maduro. Il documento stato firmato dai rappreesentanti di Argentina,Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costarica, Guatemala, Honduras, Giamaica, Messico, Panama, Paraguay e Perù.

Anche l’Onu contro le scelte del governo Maduro. Le Nazioni Unite si sono infatti dichiarate contro gli arresti illegittimi e le violenze delle forze di sicurezza con un rapporto sulle violazioni dei diritti umani. Inoltre dure prese di posizione da Ginevra e da New York. “La responsabilità per le violazioni dei diritti umani che stiamo registrando arriva ai più alti livelli di governo”, ha dichiarato l’Alto Commissario Onu per i diritti umani, Zeid Ra ‘ad Al Hussein. “La crisi venezuelana non può essere risolta con l’imposizione di misure unilaterali”, ha avvertito il portavoce del segretario generale Onu, Antonio Guterres.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!