Falsifica carta d’identità per l’unione civile. Guai per un senegalese

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il Comune di Schio

Aveva creato ad arte una carta d’identità falsa per unirsi civilmente con un 46enne italiano, peccato che sia stato scoperto prima di raggiungere il suo scopo. E’ questa la storia di un 24enne senegalese, sul quale peraltro pendeva già un provvedimento di espulsione.

Il fatto risale al 5 settembre. I due soggetti si sono presentati in comune a Schio nell’ufficio demografico per ultimare le pratiche istruttorie dell’unione civile, ma sono stati sottoposti a controllo da parte di agenti della polizia locale. L’ufficio infatti aveva notato anomalie nella carta d’identità del senegalese e aveva avvertito gli agenti. I due soggetti sono quindi stati accompagnati per accertamenti al Comando di polizia locale.

Dall’attività d’indagine svolta è emerso che il documento era contraffatto. L’intestatario era un cittadino straniero di nazionalità senegalese di 24 anni, senza fissa dimora in Italia, risultato tra l’altro anche irregolare con la posizione di soggiorno in territorio italiano, poichè gravato da un provvedimento di allontanamento dall’Italia.
L’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di falsità materiale commessa da privato, uso di atto falso e invitato a presentarsi il giorno seguente in Questura a Vicenza.
L’altro uomo, cittadino italiano di 46 anni residente nel biellese, è stato a sua volta deferito all’Autorità Giudiziaria del Tribunale di Vicenza in concorso per i reati contestati al senegalese.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!