Lega contro i volontari: “Picnic e politica in cimitero”. Il sindaco: “Aiutino anche loro”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Scintille a Marano Vicentino fra la Lega Nord e l’amministrazione comunale. Ad essere presi di mira, in particolare, il sindaco, alcuni consiglieri, assessori e volontari che sabato scorso hanno lavorato in cimitero per ripulirlo dalle erbacce. “L’amministrazione di sinistra che governa Marano Vicentino, da oltre sei anni, sta oltrepassando tutti i limiti della decenza. Passi l’andare a togliere le erbacce dai vialetti del cimitero – sentenzia il circolo locale della Lega in una nota – per cercare di coprire, con qualche atto di visibilità, la mancanza di manutenzione che sta affliggendo gran parte del bene pubblico in paese, ma non è tollerabile che si vada ed esternare ‘spettacolo e politica’ in un luogo sacro dedicato ai defunti. Il disgusto espresso da molti, al cimitero e fuori, è comprensibile e totalmente condiviso. Possiamo anche capire la lontananza inconciliabile tra chi professa un’ideologia ateista e un credente, ma il rispetto comune dovrebbe essere una regola condivisa”.
“Riteniamo, sostenuti da molti cittadini maranesi – afferma ancora la Lega – che le foto da scampagnata festante con annesso picnic e “maglietta rossa”, indossata di proposito per manifestare a favore dell’immigrazione incontrollata e clandestina, i componenti dell’amministrazione con il sindaco in testa, potevano scattarle in comune, in piazza o in altri luoghi del paese. Queste prese di posizione e di forza, a voler rimarcare il potere politico e amministrativo, sono una vera ’emorragia di umanità’ ”.
Sulla stessa linea il deputato maranese della Lega, Erik Umberto Pretto, che parla di “manifestazione di chiara natura politica organizzata in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Marano Vicentino presso il cimitero locale”. Pretto parla di iniziativa “inopportuna”. “Violare la sacralità di queste aree per fare pubblicità ad iniziative di dubbio gusto – sentenzia Pretto – è francamente inaccettabile. È oltretutto stata così evidenziata l’incapacità della locale Amministrazione comunale di provvedere da sola al mantenimento del decoro della zona, nonostante il pesante contribuito in termini di imposte già richiesto ai cittadini maranesi, maggiore che in altre realtà confinanti. Che sia poi il Sindaco a farsi capofila di questa sgangherata delegazione, rende il tutto ancora più inaccettabile agli occhi di chi per fortuna continua a credere nella serietà della politica”.
A stretto giro di posta arriva la replica del sindaco, Marco Guzzonato, che spiega come sono andati i fatti. “Nel pomeriggio di sabato scorso abbiamo lavorato sodo, per ore sotto il sole di uno dei giorni più caldi di questo inizio estate. Ci siamo fermati una sola volta, per una pausa tutti insieme, all’ombra di una delle magnolie della zona d’ingresso. Ci siamo ristorati con l’acqua e la frutta che avevamo portato per reidratarci, viste le alte temperature”.
Guzzonato non ci sta insomma a far etichettare il gruppo come irrisispettoso di un luogo sacro e politicizzato: “Un gruppo di circa trenta persone che decide di dedicare il proprio tempo alla cura del bene comune è una ricchezza straordinaria per la nostra comunità”. Lo stesso gruppo, allargato anche a nuovi volontari, si è ritrovato anche stamane dalle 6 per terminare il lavoro. “Molti cittadini hanno aderito e moltissimi altri hanno salutato con soddisfazione e gratitudine l’iniziativa di pulizia a cura dei volontari. Leggo con stupore il comunicato della Lega Nord di Marano, che parla di pic nic tra le tombe, di comportamenti oltraggiosi verso i defunti e altre idiozie rancorose. Falsità strumentali e provocazioni patetiche che rispedisco al mittente e che offendono il servizio reso da tanti cittadini”. Guzzonato ieri aveva invitato ieri “i signori della Lega Nord” a partecipare al secondo round di pulizie straordinarie del cimitero, “se vorranno per qualche ora, distogliersi dalla loro alacre attività di propaganda sui social e dare un concreto e responsabile contributo alla nostra comunità”.
Alla fine, anche oggi, sono stati più di trenta volontari che hanno operato per rimettere in ordine il cimitero. “Il risultato, in termini di ordine e pulizia dell’area, è stato notevole – commenta il sindaco -. A tutti i cittadini che hanno dedicato al bene comune queste ore d’impegno, va il ringraziamento dell’amministrazione comunale. E molti cittadini hanno espresso gratitudine e orgoglio per l’alto senso civico dei volontari”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!