Giovani e sagre: Valli dice no all’alcool per i minorenni

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

No alcool ai minorenni. Comune di Valli del Pasubio e sagristi stilano un protocollo per prevenire l’abuso di sostanze alcoliche tra i giovani.

“I giovani sono il nostro patrimonio più grande. L’alcool ed il suo correlato abuso sono un danno a loro e di conseguenza a tutta la comunità – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Paolo Pianegonda – partendo da questi presupposti si spiega la ratio del nuovo Codice di Autoregolamentazione studiato dall’amministrazione comunale di Valli del Pasubio e sagristi del paese, che si sono impegnati a sottoscriverlo in vista della stagione estiva di sagre.

Di che codice si tratta? “Sono nove punti che mirano a contrastare l’uso e l’abuso di sostanze alcoliche da parte di soggetti minorenni – prosegue Pianegonda – con un percorso fatto assieme ai sagristi del paese siamo arrivati alla stesura di questo codice, oltre che pratico anche molto simbolico, pensato anche in collaborazione con l’ULSS e il progetto ‘Guadagnare Salute’. Per combattere questo problema è stato imprescindibile un coordinamento e una comunione di intenti con chi, come i sagristi, si trova in prima linea nella gestione del problema. L’Amministrazione è ben conscia di quante siano le difficoltà che quotidianamente incontrano nell’organizzare sagre ed eventi sul nostro territorio: dalle ristrettezze economiche, ai sempre maggiori oneri normativi e burocratici, ai rischi in materia di sicurezza, solo per citarne alcune. Il Codice di Autoregolamentazione non vuole essere l’ennesimo onere sulle loro spalle – conclude Pianegonda – ma la prova di un impegno sociale comune, di una visione improntata al benessere della collettività e alla tutela dei nostri giovani, ovvero del nostro futuro”.

Di seguito i punti del Codice:

Premessa: sono vietate la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche ai minori di anni 18.

Se necessario, al fine di accertare l’esatta età dell’avventore, va richiesto in visione il documento di identità. L’Organizzatore, nell’allestimento e nel corso dello svolgimento dell’evento, si impegna a:

1. Allestire un “Punto Analcolico” nelle ristorazioni, con proposta di vendita di bevande alternative a quelle alcoliche.
2. Distribuire il materiale informativo sul progetto “Guadagnare Salute” consegnato dal Comune all’atto della sottoscrizione del presente disciplinare.
3. Esporre i cartelli di divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori, nonché gli eventuali cartelli di prevenzione, predisposti dall’Organizzatore medesimo o consegnati dal Comune di Valli del Pasubio in occasione dell’evento.
4. Durante la manifestazione, comunicare un messaggio sul rischio derivante dall’abuso di alcolici, anche attraverso il DJ o lo speaker.
5. Adottare misure adeguate al fine di evitare la somministrazione di bevande alcoliche a soggetti minori degli anni 18.
6. Istruire il personale addetto alla somministrazione di bevande alcoliche circa gli obblighi di legge e le modalità operative da seguire nella somministrazione di alcolici.
7. Utilizzare solo personale maggiorenne per la somministrazione delle bevande alcoliche.
8. Individuare, all’interno dell’organizzazione, un soggetto che sovrintenda al rispetto degli obblighi di legge e degli impegni di cui al presente disciplinare, curando e adottando tutte le misure necessarie e/o opportune.
9. Al termine della manifestazione, restituire compilato al Comune di Valli del Pasubio il questionario di autovalutazione.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!