Il padrone muore e il cane veglia per ore il cadavere. Appello Enpa per Gigio

Veglia per molte ore il suo padrone deceduto, difendendolo anche dai soccorritori. E’ quanto accaduto nei giorni scorsi ad Arsiero e a rendere nota la situazione del cane Gigio, è Federica De Pretto, presidente dell’Enpa di Thiene-Schio.

“Lui, il suo amato padrone, – racconta De Pretto sui social – lo chiamava Jijo ed è stato trovato morto in casa con il cane che lo vegliava da ore. Gigio era talmente sotto choc che non permetteva a nessuno di avvicinarsi al cadavere. Vivevano in simbiosi A. e Gigio, dormivano insieme, un amore incondizionato”.

Il decesso è avvenuto la sera di Pasqua. A trovare il corpo, i carabinieri di Arsiero, intervenuti su richiesta di un nipote che non aveva più sue notizie. Il cane ora è al canile e non si sa se i familiari dell’uomo, che viveva solo, siano in grado di occuparsene.

“Trema, è terrorizzato, ha paura di tutto. Temiamo si lasci morire” spiega la presidente dell’Enpa, che ha lanciato un appello per trovare una famiglia al cane, qualcuno che se ne possa occupare con pazienza e tanto amore. “E’ quello che avrebbe voluto il suo amato padrone”. Chi volesse adottare Gigio può scrivere un sms o un messaggio whatsapp al numero 347-2796801.