Due ragazze di 20 anni rubano capi sportivi da Cisalfa. Bloccate dai carabinieri

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Due giovani ventenni residenti nell’Altovicentino sono state formalmente denunciate per furto in concorso di reato in relazione ad un episodio risalente ai primi di dicembre, avvenuto all’interno del centro commerciale “Thiene”. Meglio noto ai thienesi noto come “Carrefour”.

La coppia di amiche aveva sottratto all’interno di un negozio di articoli sportivi alcuni capi d’abbigliamento per un valore di circa 250 euro. Per riuscirci avevano tolto le placche antitaccheggio dagli articoli esposti sugli scaffali, merce di un certo pregio, nascondendoli sotto i giubbini. Le azioni illecite erano state notate però dal personale della filiale di Cisalfa Sport, che ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine.

Era un martedì pomeriggio dei primi del mese in corso quando una pattuglia del nucleo operativo radiomobile si è immediatamente recata in via del Terziario. Le due giovani donne, una di nazionalità italiana a l’altra brasiliana, erano state trattenute dal personale di vigilanza in attesa dell’arrivo proprio degli uomini dell’Arma, per poi essere “inchiodate” di fronte alle loro responsabilità.

Una “dimenticanza”, quella di passare per la cassa per saldare il corrispettivo dovuto per l’acquisto della merce, che si è ben presto rivelata un tentativo esplicito di furto non andato a buon fine anche agli occhi dei carabinieri oltre a quello dei commessi. Il vestiario trovato in possesso delle ladruncole mancava proprio dagli scaffali, dove era stato messo in esposizione, e le placche antitaccheggio strappate sono state ritrovate nelle vicinanze.

Opportunamente identificate, le due ventenni sono state sottoposte alle formalità di rito e denunciate in Procura della Repubblica. Il capo d’accusa nei loro confronti consiste in reato di furto aggravato in concorso.