Dichiara di essere stata rapinata, ma era solo un furto. Denunciata per simulazione

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Aveva detto ai carabinieri che un uomo le aveva puntato il coltello contro e l’aveva rapinata. Invece le immagini delle telecamere della stazione ferroviaria vicentina mostrano uno sconosciuto che si avvicina e con destrezza glielo sfila dalla borsa: una studentessa siciliana di 31 anni è stata denunciata per simulazione di reato.

E’ successo nei giorni scorsi: una giovane residente a Sciacca in Sicilia, ma domiciliata in un Comune del Basso Vicentino, ha denunciato ai carabinieri della stazione di Barbarano Mossano che domenica 16 settembre era arrivata col treno a Vicenza, era scesa e quando era quasi all’uscita dell’edificio uno sconosciuto le si era avvicinato all’improvviso, le aveva puntato un coltello contro e le aveva portato via il portafogli dalla borsa, con 70 euro e i documenti.

I militari hanno svolto le indagini del caso, assieme alla Polfer, scoprendo che un furto c’era stato realmente. La videosorveglianza aveva immortalato la scena: l’uomo, però, non aveva rivolto alcuna minaccia alla ragazza, si era solo appropriato del suo portamonete per poi scappare. L’ignoto, che è in fase di identificazione da parte dei militari, è colpevole quindi “solo” di furto con destrezza. La giovane è stata denunciata per aver simulato un reato inesistente.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!