Sradicano piante e caldaia dalla casa all’asta: raffica di denunce per furto

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Una gazzella dei carabinieri

Prima di dare addio alla casa in maniera definitiva hanno pensato di portare via qualcosa di valore, e non solo affettivo. Sono tre i casi di persone che sono state denunciate per aver asportato piante e oggetti da abitazioni non più affidate a loro ma all’istituto vendite giudiziarie. Si tratta di edifici che finiranno all’asta, per vari motivi, e su cui quelle persone non hanno più alcun diritto. Per cui, ad esempio, padre e figlio che entrano nella casa di proprietà dell’ex moglie (e mamma) per portare via le piante secolari del giardino finiscono per essere denunciati per furto aggravato in abitazione.

Il caso è accaduto a Trissino, in una abitazione affidata in custodia all’istituto di vendite giudiziarie, di proprietà di una donna il cui ex marito e il figlio hanno pensato bene di entrare con un escavatore per sradicare vari alberi, alcuni secolari. Il danno quantificato è di circa 4mila euro e i denunciati dai carabinieri di Longare sono un 51enne e un 23enne residenti a Brogliano.

Altri due episodi simili riguardano un 43enne albanese, già domiciliato a Tezze sul Brenta in una casa sottoposta a pignoramento ed affidata in custodia all’istituto vendite giudiziarie di Longare, che prima di lasciarla ha deciso di portare via alcuni oggetti e poi si è reso irreperibile. Ha fatto perdere le proprie tracce anche un 40enne del Bangladesh che viveva in una casa a Montecchio Maggiore sottoposta a pignoramento e ora (come le altre due)  affidata in custodia all’Istituto vendite giudiziarie di Longare, che prima di andarsene ha staccato e portato via la caldaia.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!