Sparisce segugio durante battuta di caccia: trovato morto impallinato in un dirupo

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Immagine dal sito cacciapassione.com

C’è poca solidarietà fra cacciatori, come sembra testimoniare uno sconcertante episodio avvenuto nei giorni scorsi sull’Altopiano di Asiago: un cane da caccia è stato infatti ucciso con un colpo di fucile a Foza e ritrovato giorni dopo in un dirupo. L’animale, come racconta Il Giornale di Vicenza, era impegnato con il suo padrone in una battuta di caccia zona di Tessar di Sotto ed è stato ucciso probabilmente da un altro cacciatore che poi ha cercato di nascondere le tracce lanciandolo in un burrone.

A perdere la vita è stato Asso, un cane segugio italiano. Cesare Cappellari di Foza, il suo proprietario, era uscito di primo mattino per una battuta, la prima della stagione venetoria, con altri cacciatori e i rispettivi animali. Raggiunta la zona di Tessar di Sotto, hanno liberato i cani, ma poco dopo hanno udito un colpo di fucile. Nel giro di qualche minuto gli altri cani sono tornati, ma senza Asso. Cappellari insieme ai tre compagni di caccia è quindi andato a cercarlo e ha continuato fino a sera e anche il giorno successivo, ma senza successo. I quattro amici hanno trovato però alcune tracce di sangue e le ricerche sono proseguite fino a quando, la seconda mattina, il cadavere del povero animale è stato ritrovato in fondo ad un dirupo. Asso era un cane particolarmente dotato, tanto da aver vinto alcuni premi.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!