Dodici mesi visti dall’Arma: nel calendario dei carabinieri i simboli che ne hanno fatto la storia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
La copertina del calendario 2017

Un altro anno accompagnato dal calendario dei carabinieri, che dal 1928 racconta la storia e i cambiamenti dell’Arma. Per 83 anni (fu interrotto nel secondo dopo guerra dal ’45 al ’49) l’iniziativa ha contribuito a presentare i carabinieri, attraverso varie sfaccettature, arrivando ad una tiratura di 1,3 milioni di copie, di cui quasi 10mila in altre lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco e arabo).

Il tema scelto per il 2017, svelato pochi giorni fa durante la presentazione ufficiale a Roma, va a spiegare i simboli dell’Arma: nelle dodici tavole, infatti, sono rappresentati i capi indossati dai militari nel tempo e le armi in uso abbinando per ogni mese un diverso stile con cui l’arte grafica si è evoluta nel tempo, a partire dal 1814, anno di fondazione dei carabinieri.

La carabina, l’elmetto, la daga. Ma anche gli alamari, il pennacchio, il mantello e il basco: simboli e oggetti (di ieri e di oggi) che tutti gli italiani collegano all’Arma dei carabinieri. Se ne potranno conoscere significati e curiosità sfogliando, da gennaio a dicembre, le tavole realizzate sotto la direzione artistica di Silvia di Paolo. “I due carabinieri in copertina, inseriti nell’aura rossoblu dell’Arma l’uno con l’uniforme bisecolare e l’altro con quella attuale, ambedue espressione di presenza attiva, vicina e amica, garanzia di sicurezza e tangibile segno di fedeltà – spiega nella prefazione del calendario il comandante generale Tullio Del Sette -,   vegliano alla tutela della nostra gente e dei nostri agglomerati urbani”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!