No alle Olimpiadi di Roma 2024. La Lega esulta, il PD attacca

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il Sindaco di Roma Virginia Raggi

Ieri pomeriggio il Sindaco pentastellato di Roma Virginia Raggi ha dichiarato che la Capitale non ospiterà le Olimpiadi nel 2024. Il Primo Cittadino ha dunque ritirato la candidatura per ospitare i Giochi Olimpici. Reazioni opposte dagli schieramenti politici con gli onorevoli vicentini Filippo Busin (Lega) e Daniela Sbrollini (PD) agli antipodi nelle loro dichiarazioni.

La scelta del Sindaco 5 Stelle è stata presa perchè “sarebbero state le Olimpiadi del mattone – come ha detto la Raggi – pretesto per un’altra colata di cemento in città, e fonte di altri debiti: le Olimpiadi sono un assegno in bianco e non possiamo permettercelo”.
Per l’onorevole leghista Busin la scelta della grillina è stata giusta. “Il Movimento 5 Stelle ha fatto una cosa giusta stavolta – ha scritto – per come è stata governata negli ultimi anni la Capitale non merita di ospitare un evento simile”. Di totale altra idea è invece Daniela Sbrollini, responsabile nazionale Sport e Welfare del Partito Democratico. “La sindaca di Roma ha umiliato la sua città e fa fare una figuraccia all’Italia – ha attaccato – dopo anni di lavoro, progetti e investimenti per il sogno olimpico sta per dissolversi per colpa di un’amministrazione che non solo si sta dimostrando incapace, ma che sta rovinando anche i buoni lavori portati avanti nella legislatura precedente”.
La Sbrollini ha inoltre criticato le modalità con cui il Primo Cittadino ha trattato la delegazione del Coni guidata dal Presidente Giovanni Malagò, che ieri pomeriggio ha atteso invano per un mezz’ora la Raggi in Campidoglio per discutere della candidatura. “Perdere l’appuntamento con il presidente del Coni e del comitato Roma2024 non è solo istituzionalmente scorretto – ha concluso – è una grave mancanza di rispetto contro tutto il mondo dello sport e contro tutti gli italiani”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!