Viabilità e urbanistica. Quali soluzioni per Thiene? Parola alle liste candidate

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

VIABILITA’ E URBANISTICA: Quali sono i “punti neri” del traffico e come risolverli? Rispetto ai piani urbanistici attuali a cosa si deve mettere mano? Quale soluzione propone per la questione del Parco Sud, di Nova Thiene e dell’area Ferrarin?
E’ questa la domanda che abbiamo rivolto alle liste di supporto ai candidati sindaco di Thiene. Quesito che riguarda in parte un tema sempre in discussione come quello del traffico, problema sempre più diffuso in Italia e non solo. D’altro canto i candidati sono chiamati ad esprimersi anche in merito a diversi nodi urbanistici che riguardano Thiene.

Liste candidato sindaco Giovanni Casarotto

Thiene al Centro

Dal punto di vista punto dell’urgenza, è necessario liberare la strada di accesso da sud, che elimina la criticità nella zona Carrefour e, di conseguenza, sgrava via Marconi, via Vittorio Veneto, Via Cappuccini e Via Colleoni, grazie alla bretella di collegamento che dalla Gasparona porta direttamente all’Autostrada. Esiste un impegno preciso di Autostrade che riteniamo possa essere realizzato nell’arco di due anni.
Per quanto riguarda Il Parco Sud, abbiamo, con grande difficoltà, e dopo cinque anni di approfondimenti, aderito alla proposta di ristrutturazione del debito. Non abbiamo regalato nuova cubatura a nessuno ma abbiamo solo trasferito ciò che già era permesso, consentendo quindi la realizzazione di un’opera che elimini il degrado in loco.
Nova Thiene presenta lo stesso problema, con il vantaggio che esiste un solo creditore: la BPVI, che in questo momento mi sembra abbia qualche problema con l’Europa. Mi auguro ci sia un recupero di quest’area che risulta abbandonata, nella speranza che appena si creeranno le condizioni bancarie favorevoli, siano definiti dei tempi certi per l’utilizzo e la conclusione delle opere da terminare, tralasciando il secondo stralcio che, mi pare, di difficile realizzazione.
L’area Ferrarin, di fatto, sta già per essere ridisegnata grazie ai nuovi insediamenti residenziali e ad un parcheggio pubblico; certo è che proporre in quel posto centri commerciali faraonici, senza la garanzia di un’adeguata viabilità, non è perseguibile e sarebbe inoltre deleterio per il commercio locale.

Fare per Thiene

VIABILITA’
Come è noto Thiene è un crocevia viario sugli assi nord-sud ed est-ovest e la mancanza di circonvallazioni sovra comunali carica di un traffico eccessivo l’area centrale della città causando grandi problemi sia in entrata che in uscita nelle ore di punta. I principali punti neri sono l’asse nord-est (Via Raffaello, Via Monte Grappa, Via Granezza e Lavarone), l’asse Viale Bassani, Via Colleoni; tutto l’area attorno a Carrefour e Via dell’autostrada.
E’ necessario mantenere il contatto e pressante la richiesta di intervento gli enti superiori, Provincia, Regione, Anas, Società Autostrade per la realizzazione delle 3 importanti opere già programmate: Bretella Nord, Circonvallazione Est e Prolungamento Gasparona. Il comune potrebbe avviare alcune fasi della progettazione preliminare, in modo tale da dimostrare di credere in queste opere ed eventualmente farsi trovare pronti.

URBANISTICA
Aree importanti che stanno andando a riqualificazione sono i Comboniani e l’Ex Scalo Merci. Fondamentale sarà il presidio del Comune per progettare con i privati le viabilità di piano e le opere pubbliche (parcheggi, piste ciclabili, spazi pubblici) necessarie ad integrare questi nuovi insediamenti nel tessuto cittadino.
Per il Parco Sud è operativo il piano di ristrutturazione del debito omologato dal Tribunale di Vicenza che porterà al completamento dell’opera.
Per Nova Thiene l’intervento dell’amministrazione uscente ha permesso di evitare che il cantiere si fermasse lasciando un cratere in centro storico, riuscendo ad ottenere il completamento della piazza e la realizzazione del parcheggio. Anche questo piano sarà soggetto a ristrutturazione del debito, le richieste immediate del Comune riguardano l’installazione dell’ascensore nel park interrato, il completamento della pavimentazione della piazza, la sistemazione della rampa di accesso al teatro.
Per l’area Ferrarin con l’adeguamento alla L.R. 50 sul commercio è stato impedito l’insediamento di strutture superiori ai 2.500 mq. Confermiamo questa posizione, invitando la proprietà, come già fatto più volte, a fare proposte che vedano in questa grande area da 70.000 mq una progettazione che preveda una crescita del quartiere circostante diverse tipologie urbanistiche possibilmente di servizio della residenza, con limitato sviluppo commerciale.

Insieme per Casarotto – Partito Democratico

Viabilità sovra-comunale, lo dice la stessa definizione, non è di competenza esclusiva del Comune. Thiene deve continuare a chiedere con forza quelle soluzioni viabilistiche e infrastrutturali che una volta realizzate scaricheranno le vie interne alleggerendo il traffico. Ci siamo mossi con determinazione e siamo finalmente riusciti ad incardinare in un binario positivo il prolungamento della Gasparona sino al Casello dell’Autostrada. Quest’opera, che vedrà la luce nei prossimi anni, rappresenta un elemento positivo per alleggerire il traffico nell’anello del Carrefour e per permettere di raggiungere con rapidità i Comuni di Marano, Schio e Santorso con relativo Ospedale dell’Altovicentino.
Nei quartieri invece, per gestire il traffico locale, snellire il carico e aumentare la sicurezza si dovranno studiare anelli a senso unico che vogliamo proporre in accordo con i residenti e i Comitati di Quartiere.

Area Ferrarin: si tratta di area privata, e quindi spetta al privato proporre soluzioni e idee, vigileremo affinchè queste proposte siano in linea con il tessuto cittadino. Dovranno essere compatibili con l’ambiente e il suo carico urbanistico; non siamo disponibili ad accettare colate di cemento con sole strutture commerciali.
Nova Thiene: grazie al lavoro di questa Amministrazione abbiamo scongiurato l’ipotesi che i lavori si bloccassero ad uno stadio ancora più arretrato di quello che oggi si vede. L’ipotesi di rimanere con un “buco” nel cuore della Città era reale. Siamo riusciti a far parzialmente concludere l’intervento e oggi la città usufruisce di due grandi aree di sosta, una a raso e una interrata. Ci auguriamo che possano insediarsi quanto prima attività economiche e residenziali dando vita alla struttura che a quel punto vedrà definirsi la pavimentazione della piazza e l’ascensore che dal parcheggio porta al retro del municipio. Opere a carico dei privati realizzatori dell’intervento.
Parco Sud: qui le chiacchiere stanno a zero! La città ha ereditato una situazione disastrosa che il centrosinistra cittadino sin dall’inizio aveva indicato come fallimentare. Abbiamo lavorato sodo per trovare soluzioni tese ogni volta a far ripartire i lavori e a concludere le opere. Con i rappresentanti della nuova società abbiamo un dialogo aperto e costruttivo che sembra ci stia portando a una possibile soluzione e ripresa dei lavori. Ovviamente il tutto deve passare per un ridimensionamento delle volumetrie e delle costruzioni da realizzare. Vogliamo salvaguardando al massimo le aree verdiinterne al Parco Sud per consegnarle al futuro della Città.

Casarotto Sindaco per Thiene

Purtroppo Thiene si trova all’incrocio di due importanti assi viari, nord-sud ed est-ovest e la mancanza di arterie sovra comunali carica di un traffico eccessivo il centro. Interventi di limitazione del traffico o sensi unici causerebbero un disagio sicuramente maggiore di quello attuale. Si tratta quindi di continuare a mantenere alta l’attenzione con gli enti superiori per la realizzazione delle 3 importanti opere già programmate: Bretella Nord, Circonvallazione Est e Prolungamento Gasparona.
Aree importanti che si stanno avviando alla riqualificazione sono i Comboniani e lo scalo merci in cui manterremo una particolare attenzione perché gli interventi producano non solo opere residenziali- commerciali ma anche servizi alla città.
Per il Parco Sud è già stata avviata una procedura concordata con il Tribunale che porterà al completamento dell’opera. Anche per Nova Thiene l’intervento dell’amministrazione è stato rivolto a cercare di limitare il disagio dell’opera incompiuta da parte dei privati riuscendo ad ottenere il completamento della piazza e la realizzazione del parcheggio.
Per l’area Ferrarin analizzeremo attentamente le eventuali proposte che saranno presentate dai proprietari escludendo qualsiasi intervento di carattere commerciale superiore a quelli consentiti attualmente.


Liste candidato sindaco Orazio Comberlato

Movimento 5 Stelle

Punti neri del traffico sono le direttrici nord-sud ed est-ovest, che nelle ore di punta presentano strozzature notevoli e generano disagi.
Fare uno studio serio sull’urbanistica e sulla viabilità thienese.in modo da tenere i grandi flussi e il traffico pesante al di fuori della rete urbana cittadina.
In tempi non sospetti chiedevamo in consiglio l’escussione delle fidejussioni per il Parco Sud per consentire al Comune di concludere l’opera… non siamo stati ascoltati e siamo qui…
Per quanto riguarda la Nova Thiene rimane un pugno nello stomaco,  soprattutto in quanto versa in una situazione pessima di apparente abbandono e degrado. Confidiamo di incontrare la società per capire come arrivare ad un recupero decoroso dell’area per salvare il salvabile e non ritrovarsi ad libitum con strutture incompiute e abbandonate.
Area Ferrarin,siamo disposti ad incontrare la proprietà per ascoltare le loro proposte e cercare di arrivare ad un progetto di riqualificazione comune, non necessariamente commerciale o speculativo, ma piuttosto di arricchimento culturale per la città.

 

Liste candidato Nicolas Lazzari

Rigenerare Thiene

Il concetto di sviluppo sostenibile sarà il principio ispiratore delle scelte urbanistiche del nostro gruppo, per sostenere e rispondere alle necessità degli attuali cittadini senza compromettere le possibilità per le generazioni future di soddisfare le proprie. Lo sviluppo sostenibile consiste nell’equilibrio tra disponibilità economiche, sociali, ambientali e prevede la partecipazione di tutti gli attori, gli operatori, gli imprenditori e le categorie sociali in quanto una strategia di sviluppo sarà tanto più sostenibile, quanto più portatori di vari interessi avranno partecipato alla sua definizione. Se è ovvio sostenere che lo sviluppo economico del territorio non deve essere arrestato, meno scontato, è affermare che esso deve essere guidato ed indirizzato in base alle caratteristiche storiche, paesaggistiche ed ambientali del nostro Comune. Dobbiamo innanzitutto -cercare di porre chiarezza sulla Superstrada Pedemontana Veneta al fine di tutelare i cittadini e il territorio. Per quanto riguarda la viabilità interna è fondamentale -realizzare percorsi pedonali e ciclabili che permettano il collegamento in sicurezza tra i vari punti nevralgici del centro e delle frazioni di Thiene; -continuare a promuovere la sicurezza stradale attraverso opere ed interventi che rendano più sicura la viabilità, con particolare riguardo alle strade di accesso ai poli scolastici, all’interno e fra i centri abitati e nei collegamenti tra le frazioni: percorsi e portici pedonali, marciapiedi, piste ciclabili, illuminazione; -proseguire con gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche (con appositi marciapiedi, attraversamenti pedonali dotati di segnalazione acustica e percorso tattile per i non udenti e vedenti). Il nostro gruppo si chiama RIGENERARE e da qui vorremo partire per -recuperare, rigenerare e valorizzare le aree dismesse e degradate sia industriali che residenziali (Ex Nordera, Ex scalo Merci, Parco Sud, Stadio Miotto, Piattaforma polifunzionale dei Cappuccini, Piazza della cultura-adiacente biblioteca-, Ex Lanificio Ferrarin…) grazie anche al contributo delle scuole, mettendo a disposizione delle “borse di studio”. Dovremo essere in grado di vincere bandi europei avendo la capacità di lavorare in maniera efficace e soprattutto mettendoci in rete tra comuni limitrofi. Solo così potremo, organizzando un piano efficace e puntale, rilanciare le aree dismesse e gli edifici abbandonati prestando pertanto attenzione ad interventi privati e fondi strutturali.

Liste candidato sindaco Attilio Schneck

Lega Nord-Liga Veneta

Procederemo a singole o più modifiche sperimentali e temporanee, valutando dopo congruo periodo di prova, tutti gli elementi a favore o contro le modifiche attuate per le conseguenti decisioni che comunque, visto la dinamica dell’evoluzione di tutta la mobilità, non saranno definitive ma sempre in divenire.

Lista Schneck

Nord-Ovest bretella di collegamento area zona ex Boldrini via dell’autostrada Schio. Per la parte est attenderei l’entrata in funzione della Pedemontana che prevede un casello a Sarcedo.
Rigenerazione degli spazi dismessi, salvaguardia del verde e ristrutturazioni del patrimonio edilizio esistente.
Parco sud: iter modificato e relative valutazioni.
Nova Thiene: analisi della situazione generatasi e relative decisioni giuridicamente percorribili.
Area Ferrarin: area completamente da rigenerare con un nuovo processo che nasce dal basso, piuttosto che soluzioni tout court edificatorie.
Quindi attivare una progettazione condivisa su un progetto di natura culturale, didattica ed artigianale tesa alla conservazione della memoria manifatturiera che ricombina artigianato e cultura attraendo talenti e risorse in grado di generare nuovi asset e nuovi modelli di sviluppo.
Concretamente, un esempio è Tolmezzo con Villa Limussio, ex sede di una delle più grandi industrie tessili dell’area.

Veneti per l’indipendenza

Esistono in tanti comuni importanti progetti che avevano significato in periodi di crescita e rimasti in sospeso. Questa situazione ha contribuito la costante riduzione delle risorse trasferite dallo stato ai Comuni. La risposta concreta a questo furto di risorse prodotte nel Veneto la passiamo dare il 22 di  Ottobre votando in grande maggioranza per il Referendum  per l’autogoverno del Veneto.
Riguardo il parco sud riteniamo che si debba andare fino in fondo. Bisogna completare il progetto anche a costo di ridimensionarlo in alcune sue parti.

Forza Italia

Recupero dell’esistente, recupero dell’esistente e recupero dell’esistente. Per le nuove urbanizzazioni ci sono i paesi dell’est europa e gli emirati arabi. (per quanto anche da quelle parti si sta ragionando in modo diverso). Thiene ha il maggior numero di abitanti per km. quadrato di tutta la provincia assieme a Vicenza ed un paio di altri comuni. Non possiamo permetterci ulteriori urbanizzazioni senza compromettere i servizi e gli standard di vita qualitativi necessari. In compenso ci sono innumerevoli beni immobili che possono essere recuperati e contribuire a rendere la nostra città ancora più bella di quanto già non sia. Ci sono zone adiacenti il centro storico che non si possono più vedere. Anche in questo, un’amministrazione attiva e protagonista, con delle competenze adatte può aiutare, se non a risolvere tempesti-vamente il problema, a far si che la strada per la definizione venga intrapresa.
Parco Sud e Nova Thiene vanno semplicemente rivisti perchè non rimangano delle tristi incompiute. Saremo al fianco, chiunque sia il nuovo sindaco, purchè non si perda altro tempo. Certo se la soluzione passa, come ha scelto l’amministrazione Casarotto, per un ulteriore aumento delle superfici commerciali che fanno concorrenza al centro storico, la nostra opposizione sarà feroce.

 

Liste candidato sindaco Christian Azzolin

Ordine Sociale Altovicentino per Thiene – Christian Azzolin Sindaco – Thiene a Destra

Costruzione di una rotonda alle Ca’ Beregane. Percorsi pedonali e ciclabili che consentano soprattutto agli anziani di Rozzampia di raggiungere la farmacia, il negozio ortofrutticolo ed alimentari e l’ambulatorio medico del Santo. Sistemazione della rotonda del Sole Completamento delle piste ciclabili monche presenti in città. Realizzazione di una pista ciclabile che consenta agli abitanti di Lampertico di raggiungere in sicurezza e senza interruzioni di marcia il centro commerciale, nel percorso più breve. Sperimentazione di un progetto di carpooling per coloro che studiano e lavorano fuori città, previa identificazione dei soggetti che metterebbero a disposizione l’auto al fine di ridurre il numero di auto che circolano nelle ore di punta. Tutti a lavoro in auto una persona per auto oltre che a finanziare meglio le imprese petrolifere crea disagi alla circolazione e gravi problemi di inquinamento. Acquisto di un autobus elettrico o ibrido e sperimentazione di un servizio di trasporto pubblico locale per tutta la città, frazioni comprese. Per quanto riguarda il parco sud è un’eredità pesante. Prima penseremo alla riqualificazione e al rifacimento dei numerosi impianti sportivi della città. Al Santo ci sono gli spogliatoi del campo da calcio da terminare. Serve una pista da atletica e un parco con un percorso. Se possibile rimetteremo mano alle cubature degli edifici (soprattutto moschea e parco sud). L’Area Ferrarin sarebbe il caso di riqualificarla, sfruttarla come spazio dedicato alla cultura ( a Schio è stato creato un museo del tessile, per esempio). Su Nuova Thiene è difficile intervenire, ma di sicuro sarà necessario avere un confronto con il privato per definire in quale direzione muoversi.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!