Rimini: rapina e insulti razzisti a una donna, in manette una coppia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Non solo hanno rapinato una donna di pelle nera incinta al sesto mese, ma l’hanno anche insultata con epiteti razzisti e spintonano facendola cadere a terra. Per questo ieri sera la polizia di Stato di Rimini ha arrestato una coppia, lei 19 anni di Ancona, lui 22 di Caserta, per rapina.
La volante delle forze dell’ordine è intervenuto alla fermata del bus 11, che percorre il lungomare da Rimini a Riccione, dove la donna in stato interessante, ha subito riferito di essere stata aggredita e derubata del cellulare. La coppia, che non ha mai smesso di insultare la donna anche davanti ai poliziotti con frasi razziste, è stata inchiodata dalla testimonianze dei presenti. La gestante per lo choc si è sentita male ed è stata portata in ospedale. I medici l’hanno subito dimessa con una prognosi di 15 giorni e il bambino non corre rischi.
Dopo aver assicurato le cure necessarie alla donna, la polizia ha quindi acquisito la dichiarazione di una testimone che ha riferito di aver visto scendere dall’autobus due donne e subito dopo una delle due è stata spinta con un violento colpo al petto e fatta cadere in terra. La stessa testimone ha riferito che la donna di colore, si è lamentata nei confronti di una ragazza italiana per riavere il proprio telefonino cellulare, che le era stato sottratto sull’autobus. Gli agenti sul posto hanno rinvenuto a terra vicino l’uscita dell’autobus un telefonino, un portamonete e la borsa della derubata che ha riferito di essere stata colpita con calci e pugni e di aver protetto d’istinto la pancia, mentre le urlavano “ti faccio abortire negra di m…”. Acquisite le dichiarazioni ed eseguiti i relativi accertamenti, la coppia è stata portata negli uffici della Questura dove i due sono stati arrestati per rapina.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!