Giovedì nero sulle strade vicentine. Quattro incidenti in poche ore

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Non si registrano vittime nè persone in pericolo di vita, ma è stato comunque un pomeriggio nero sulle arterie stradali della provincia. Almeno quattro le richieste di soccorso giunte alla centrale del Suem 118, con interventi sull’A4, a Santorso nell’Altovicentino, a Romano d’Ezzelino e nella Valchiampo in zona montana.

Uno degli incidenti di maggior gravità è avvenuto a Molino di Altissimo, intorno alle 16.30, dove un agricoltore della zona è rimasto ferito in seguito al ribaltamento del trattorino con rimorchio che conduceva lungo una strada asfaltata. L’uomo è stato estratto dai vigili del fuoco dall’abitacolo del mezzo e trasportato all’ospedale Cazzavillan di Arzignano in codice giallo, con l’ausilio dell’elisoccorso. Difficoltà per il recupero della macchina agricola, in bilico sul pendio e con il rischio concreto di precipitare a valle.

In autostrada sul tratto di A4 tra Montecchio e Montebello (in direzione Milano) si registra un impatto tra un’automobile e un autoarticolato al km 318, sempre nel corso del pomeriggio odierno. Disagi al traffico e due feriti, anch’essi ricoverati ad Arzignano con codice di media gravità.

Nel Bassanese sulla strada provinciale Cadorna in prossimità del 15° tornante, in territorio di Romano d’Ezzelino, problemi per un motociclista scivolato sull’asfalto intorno alle 17.30. Non correrebbe pericolo di vita, codice giallo al ricovero in ospedale dopo i soccorsi giunti dal polo di Crespano del Grappa.

Altro scontro stavolta multiplo nell’incrocio tra via Lago di Albano e via Lago di Alleghe nella zona industriale che congiunge i comuni di Schio e Santorso. Carambola con tre auto coinvolte dopo una manovra errata di una Fiat Panda e il successivo scontro con una Citroen e una Nissan Micra che sopraggiungevano, poco prima delle 18. Tutti e tre i conducenti delle rispettive vetture sono stati costretti a ricevere le cure del pronto soccorso dell’ospedale Altovicentino, fortunatamente solo per contusioni o lesioni di lieve entità.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!