Pensioni, il piano per i giovani: assegno minimo di 600 euro se mancano i contributi

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Prende forma un’interessante proposta del governo, proposta di cui si è parlato al tavolo con i sindacati presieduto dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti: un assegno minimo da 600 euro ai giovani che andranno in pensione con il contributivo, anche se i premi versati non saranno sufficienti a garantirlo. Pertanto, il progetto prevede di allargare la platea di chi potrà andare in pensione con il sistema interamente contributivo a 63 anni e sette mesi con un minimo di 600 euro. Un progetto che piace ai sindacati, i quali però chiedono di rivedere anche l’altro coefficiente che consente di andare in pensione a 63 anni e 7 mesi con un assegno pari a 2,8 la pensione sociale.
Le reazioni dei sindacati. Il segretario confederale della Cisl Maurizio Petriccioli al termine dell’incontro ha dichiarato: “L’ipotesi del governo della riduzione del parametro minimo dell’1,5 è certamente positiva ma se vogliamo implementare la flessibilità in uscita dobbiamo lavorare anche sui parametri per andare in pensione prima. Ridurre anche quello del 2,8 significa ripristinare flessibilità al sistema, altrimenti di fa una cosa incompleta. Il coefficiente di 2,8 vuol dire mandare in pensione solo chi ha un assegno di 1.400 euro cui arriverebbero in pochissimi”. I sindacati in sostanza chiedono che si arrivi a un coefficiente intorno a 2-2,2 per consentire di accedere alla pensione anche chi avrebbe un assegno di circa 1.200 euro.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!