Deceduto il 43enne che si era lanciato dal tetto di un palazzo ieri in contrà Muscheria

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

E’ deceduto in serata il 43enne che ieri pomeriggio verso le 16,30 si era lanciato nel vuoto in contrà Muscheria con l’intenzione di farla finita in pieno centro storico a Vicenza, a due passi da piazza dei Signori.

L’uomo era salito sull’abbaino e si era sporto, attirando l’attenzione di alcuni abitanti e negozianti della via. Sul posto erano subito intervenuti una volante della polizia, una pattuglia dei carabinieri e i vigili del fuoco. Un poliziotto e un carabiniere, in particolare, sono saliti in casa e per una decina di minuti hanno tentato di convincere l’uomo a desistere dal suo intento. Purtroppo inutilmente, perché il 43enne si era lanciato nel vuoto, sotto gli occhi dei soccorritori e di alcuni cittadini.

I sanitari del Suem, accorsi sul posto lo hanno subito soccorso: intubato subito, l’uomo è stato immediatamente portato all’ospedale San Bortolo ma le sue condizioni sono sempre state molto critiche. In serata il decesso. Non sono ancora chiari i motivi del gesto ma  sembra l’uomo stesse attraversando un brutto periodo.

Ricordiamo che nelle situazioni di disagio esistenziale e sconforto estremo è possibile rivolgersi a servizi di prevenzione e assistenza psicologica attivi 24 ore su 24,  come il Telefono Amico (199.284.284), il Telefono Azzurro (1.96.96), il Servizio regionale per la salute degli imprenditori – Progetto InOltre (800.334.343) e la Fondazione Di Leo (800.168.768).

Ascolta il Radiogiornale di oggi!