Primavera, tempo di allergie: i consigli degli esperti dell’Arpav

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Ogni primavera si ripropone il diffuso problema delle allergie legate ai pollini provenienti da piante erbacee  come graminacee, composite tra cui l’ambrosia, urticacee che comprendono la parietaria e da alberi  quali nocciolo, betulla, olivo, cipresso, carpino. Nelle regioni settentrionali, tra cui il Veneto, le graminacee spontanee sono tra le maggiori responsabili delle allergie che si manifestano in primavera-estate.

L’aumento delle sensibilizzazioni, secondo gli esperti della materia, sembra sia dovuto in parte al modificato stile di vita, che ha ridotto le difese immunitarie, in parte al peggioramento delle qualità dell’aria a causa dell’inquinamento. L’aumento di anidride carbonica favorirebbe poi una maggiore produzione di polline allergizzante. La diffusione dei “nuovi” pollini è legata invece all’ampliamento degli scambi commerciali, all’introduzione di specie esotiche impiegate a scopo ornamentale, alle modificazioni nella gestione del territorio agricolo e forestale ed anche al cambiamento climatico che favorisce la colonizzazione da parte delle piante di nuove aree di territorio.

Ecco l’importanza di diffondere le “buone pratiche”, indicate dall’Agenzia Regionale per l’Ambiente del Veneto: anzitutto gli enti gestori del verde pubblico potrebbero introdurre piante a basso potere allergizzante e sfalciare le aree verdi incolte, mentre i privati potrebbero mantenere puliti i giardini con tagli eseguiti prima della fioritura. La persona allergica invece potrà informarsi sulle piante verso le quali è sensibilizzato e consultare i calendari pollinici per conoscerne la diffusione nell’arco dell’anno, evitando di frequentare gli spazi aperti a maggiore esposizione.

Chi è allergico ai pollini dovrebbe inoltre consumare con moderazione cibi ricchi di istamina o che attivano l’istamina, come formaggi fermentati, salumi e alcuni pesci. In ogni caso, va valutato con il proprio medico allergologo  o nutrizionista il programma più appropriato da seguire per ogni specifico caso.

Sul sito dell’Arpav è disponibile sia una guida informativa che uno spazio di approfondimento.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!