Uomo trovato morto in casa, carabinieri propendono per cause naturali

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Per qualche ora si è temuto si trattasse di una morte violenta, ma i carabinieri dopo una serie di accertamenti, svolti anche con l’ausilio del medico legale, hanno scartato questa ipotesi. Gli ultimi dubbi sulla morte di un 65enne di Lusiana saranno comunque fugati dall’esame autoptico a cui il magistrato di turno, Paolo Fietta, ha deciso di sottoporre il corpo dell’uomo, trovato morto oggi nella sua abitazione da un conoscente.

Vicino al corpo c’era infatti una pozza di sangue, fatto questo che ha indotto il conoscente a chiamare il 112. Sul posto sono quindi arrivati i carabinieri di Lusiana, insieme con i colleghi del Nucleo Radiomobile di Bassano e il Nucleo Investigativo di Vicenza.

Il fatto è avvenuto in una contrada periferica di Lusiana, dove l’uomo viveva solo. I militari hanno quindi eseguito una serie di accertamenti con l’ausilio del medico legale: accertato che il corpo non presentava ferite, hanno riferito al pm di turno, che per fugare gli ultimi dubbi ha disposto comunque l’autopsia. Il luogo del ritrovamento è stato posto momentaneamente sotto sequestro.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!