Strada del Costo, polizia in borghese contro le gare fra motociclisti

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Un motociclista sulla strada provinciale del Costo

Strada del Costo, contro le gare fra motociclisti arriva la Polizia Stradale in borghese. Ad annunciarlo è il sindaco di Cogollo Piergildo Capovilla: «E’ la prima misura che abbiamo deciso assieme a polizia e carabinieri, ma ne seguiranno altre – assicura il primo cittadino – i controlli in borghese sono iniziati già un mese fa».

Il giro di vite delle autorità contro le corse selvagge sulla strada provinciale che da Cogollo va a Tresché Conca ed Asiago è iniziato da mesi: sul campo carabinieri e polstrada in primis, ma anche lo stesso Comune di Cogollo. Nell’ultimo fine settimana di settembre la polizia stradale ha elevato in due giorni ben quaranta contravvenzioni al Codice della Strada a carico di altrettanti motociclisti. Il record, negativo, l’ha fatto un giovane motociclista di Vicenza al quale alla fine è stato tolto il numero record di 78 punti dalla patente: anziché fermarsi all’alt della pattuglia aveva impennato ed era scappato verso la pianura. I poliziotti però avevano preso targa e modello della moto, rintracciandolo più tardi e operando tutte le multe e i sequestri del caso. In parallelo, in questa settimana si sono svolti una serie di incontri in municipio a Cogollo fra l’amministrazione Capovilla, la polizia, i carabinieri, i vigili urbani e i tecnici di Vi.Abilità.

«Venerdì scorso ci siamo incontrati di nuovo, con i carabinieri della compagnia di Schio e la polizia stradale. Per ora si procederà con i controlli in borghese, già iniziati da qualche settimana – dichiara Capovilla – gli agenti, con una macchina non riconoscibile come della polizia, percorrono il Costo in entrambe le direzioni, soprattutto il fine settimana ma anche nei giorni lavorativi. I poliziotti – precisa il sindaco – intervengono quando vedono comportamenti illeciti, seguendo i motociclisti e fermandoli».