Grandi nomi e poltroncine rinnovate: si alza il sipario sulla nuova stagione teatrale

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Una scena di "Le Baruffe Chiozzotte" (foto Claudio Martinelli)

Per il 38esimo anno il sipario del Tetro Comunale di Thiene si aprirà per accogliere accreditate produzioni nazionali e alcuni degli attori più amati: da Vanessa Gravina ad Alessandro Haber, da Raul Bova a Sergio Rubini, da Lucrezia Lante Dalla Rovere ad Alessandro Preziosi, Anna Bonaiuto, Caterina Murino, Chiara Francini, Isabella Ferrari, Manuela Mandracchia,Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Iaia Forte, Luigi Lo Cascio, Fabio Sartor.

Sono dieci spettacoli di prosa quelli proposti, in sinergia con il Circuito Regionale Arteven, dal cartellone della stagione 2017/18, da novembre ad aprile. Dieci serate con altrettanti autori: dai classici Ibsen, Dostoevskij, Genet, Goldoni, De Filippo ai contemporanei Marinelli, Zeller, Miniero, Esposito, Massini, Cavalluzzi. E’ un taglio per lo più intimista quello suggerito dalla nuova stagione, ma non solo, visto che vengono proposti anche altri temi come, per esempio, il ruolo dell’artista nella società o la sottile linea che separa bene e male, vita e morte.

“Palcoscenico, platea e gallerie, luci e ombre, attori e testi teatrali e il pubblico, che guarda, riflette, osserva realtà e sogno e comunica esso stesso emozioni – spiega l’assessore alla Cultura di Thiene Maria Gabriella Strinati –: tutto questo è un organismo che pulsa e vive attraverso la parola, le azioni e le vicende rappresentate. E’ una straordinaria alchimia che rende ogni spettacolo un’emozione unica ed irrepetibile. Renderla possibile non è un’operazione facile, ma è l’obiettivo che intendiamo raggiungere ogni anno con l’attento e meticoloso lavoro di mesi in cui scegliamo il meglio dall’offerta nazionale, pensando a come soddisfare le esigenze del nostro pubblico. E sempre al nostro pubblico, agli spettatori, desideriamo offrire il comfort di un teatro rinnovato quest’anno nelle poltroncine e dotato di un qualificato servizio al foyer di ristoro, che si aggiungono all’apprezzato e consueto servizio di accoglienza”.

“La stagione teatrale di prosa thienese sa crescere negli anni ed essere un punto di riferimento culturale sul territorio e tra diverse generazioni – sottolinea il sindaco Giovanni Casarotto –. E’ un rilevante impegno per l’amministrazione comunale, portato a buon fine grazie agli sponsor che, con sensibilità, affiancano economicamente il Comune. Li ringrazio a nome della città, e in particolar modo la Estel che nell’80esimo anniversario di fondazione ha voluto donare a Thiene il restauro delle poltroncine, così come ringrazio il Lions Club Thiene Host per il percorso di educazione dei giovani al teatro, svolto assieme alle scuole”

Quest’anno, fuori abbonamento, c’è anche la serata che dalla tradizionale operetta delle precedenti edizioni si è evoluta nel musical da film, oltre a due appuntamenti imperdibili con la danza. Continua anche quest’anno l’attenzione ai giovani: biglietti gratuiti sono offerti agli studenti delle superiori, individuati di volta in volta dagli istituti scolastici di appartenenza con l’obiettivo di far conoscere il teatro alle giovani generazioni. Il progetto è supportato economicamente dal Lions Club Thiene Host. Prosegue per questa stagione anche la riduzione di abbonamenti e biglietti che viene estesa sino ai 30 anni, anziché 25. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 20.45. Info al Servizio Promozione Eventi Culturali e Turistici di piazza Ferrarin 1, tel. 0445.804.745-943, oppure www.comune.thiene.vi.it, www.arteven.it, www.vivaticket.it.

GLI SPETTACOLI: L’onore di aprire la stagione di prosa 2017/18 spetta a “Le serve”, in scena il 14, 15 e 16 novembre di Jean Genet e la regia di Giovanni Anfuso con Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina. Il 28, 29 e 30 novembre Alessandro Haber e Lucrezia Lante Dalla Rovere sono i protagonisti de “Il padre” di Florian Zeller con David Sebasti e Daniela Scarlatti, Ilaria Genatiempo e Riccardo Floris. Il terzo appuntamento, il 12, 13 e 14 dicembre, “Le baruffe chiozzotte” di Carlo Goldoni e la regia di Paolo Valerio con la consulenza storico drammaturgica di Piermario Vescovo in una produzione Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazionale. In scena Luca Altavilla, Francesca Botti, Leonardo De Colle, Piergiorgio Fasolo, Stefania Felicioli, Riccardo Gamba, Margherita Mannino, Michela Martini, Valerio Mazzucato, Giancarlo Previati, Marta Richeldi, Vincenzo Tosetto e Francesco Wolf. In cartellone il 19, 20 e 21 dicembre sarà “Due”, di Luca Miniero, che firma anche la regia, e Astutillo Smeriglia, con Raul Bova e Chiara Francini. Il nuovo anno si apre il 9 gennaio, con repliche al 10 e all’11, con “Come stelle nel buio” di Igor Esposito e la regia di Valerio Binasco con Isabella Ferrari e Iaia Forte in una produzione Nuovo Teatro. La stagione di prosa prosegue il 30 e 31 gennaio e l’1 febbraio con il ritorno a Thiene della Compagnia di Teatro Luca De Filippo che propone la commedia di Eduardo De Filippo “Questi fantasmi!” sotto la regia di Marco Tullio Giordana. In ordine di apparizione calcano il palcoscenico Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Massimo De Matteo, Paola Fulciniti, Andrea Cioffi, Nicola Di Pinto, Viola Forestiero, Giovanni Allocca e Gianni Cannavacciuolo. Il 20, 21 e 22 febbraio l’Associazione Teatrale Pistoiese, porta in scena ”Casa di bambola” di Henrik Ibsen nell’adattamento e regia di Roberto Valerio con Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Michele Nani, Massimo Grigò e Carlotta Viscovo. Caterina Murino e Fabio Sartor sono i protagonisti, con Paolo Lorimer e la partecipazione di Paila Pavese, il 13, 14 e 15 marzo, de “L’idea di ucciderti”, scritto e diretto da Giancarlo Marinelli, di Ghione Produzioni. Il 20, 21 e 22 marzo Nuovo Teatro, in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana, porta in scena “Delitto/Castigo” con Sergio Rubini, che è anche il regista, e Luigi Lo Cascio nell’adattamento teatrale di Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi. A chiudere è Alessandro Preziosi con “Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco” in scena il 10, l’11 e il 12 aprile per la regia di Alessandro Maggi. Frutto di una coproduzione Khora Teatro e Tsa Teatro Stabile d’Abruzzo in collaborazione con Festival dei Due Mondi – Spoleto, lo spettacolo nasce da un testo di Stefano Massini. In scena con Preziosi ci sono Francesco Biscione, Massimo Nicolini, Roberto Manzi, Alessio Genchi e Vincenzo Zampa. Torna anche l’appuntamento con la Danza, sempre fuori abbonamento, con due spettacoli, l’8 aprile 2018 alle 18.30 con “Carmen”, portato in scena dal Balletto del Sud nella coreografia di Fredy Franzutti e musiche di Bizet, Albéniz, Chabrier, Massenet, con scene di Francesco Palma e il 27 aprile 2018 alle 20.45 con l’”Eterno Uguale”, nuovo lavoro della Compagnia di Danza Kronos con la regia di Ornella Pegoraro e coreografie di Barbara Canal, Francesca Foscarini, Angelo Monaco, Eleonora Pasin e Natalia Vines Roig.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!