Van Gogh, conto alla rovescia: pronto in Basilica Palladiana l’allestimento della mostra dell’anno

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Marco Goldin e Jacopo Bulgarini d'Elci

Dieci sale, compresa un “cinema” per la proiezione di un docufilm: sono pronti in Basilica Palladiana gli allestimenti per la mostra dell’anno, dedicata al genio di Van Gogh. 129 opere le opere che saranno esposte a partire dal 7 ottobre.

L’allestimento è stato presentato ieri dal curatore Marco Goldin e dal vicesindaco Jacopo Bulgarini d’Elci. “Sono molto soddisfatto di questo allestimento che potrà costituire un modello per il futuro. Immergerci negli spazi che disegna, prima ancora dell’arrivo delle opere straordinarie che catalizzeranno l’attenzione di tutti, ci fa percepire in modo netto come si sia riusciti a mantenere ben leggibile l’architettura del salone della Basilica, sede espositiva della città di Vicenza, contemperando perfettamente le esigenze di sicurezza, di climatizzazione e narrative di un mostra di questo livello con l’ambiente che la ospita”.

Queste le parole riservate dal vicesindaco all’allestimento completato da Linea d’ombra nel salone della Basilica palladiana per la mostra “Van Gogh: tra il grano e il cielo”. “Pronto il contenitore – ha aggiunto il vicesindaco – a brevissimo saranno realtà opere di una bellezza assoluta, presenze record a cui ci siamo abituati negli anni passati e il conseguente indotto economico che questi eventi portano con sé. Ciò è parte di un complesso e pluriennale lavoro strutturale e di programmazione sui nostri attrattori culturali che ha cambiato il volto di questa città”.

“La mostra – sottolinea il curatore Marco Goldin – ricostruirà con estrema precisione l’intera vicenda biografica di Vincent Van Gogh tra Olanda e Francia. E lo farà in dieci sale, cinque dedicate all’esperienza olandese, altrettante a quella francese, che ospiteranno 129 opere, di cui 43 dipinti e 86 disegni, la riproduzione di lettere, grandi fotografie dei luoghi frequentati e dipinti dall’artista, quadri di altri autori fondamentali nel suo percorso, una grande ricostruzione della casa di cura per malattie mentali di Saint-Paul-de-Mausole a Saint-Rémy. Infine, un film documentario della durata di un’ora che ho realizzato sulla sua vita, e che dal 25 settembre presenterò in anteprima nelle principali città del Veneto, sarà proposto alla conclusione del percorso in una sala cinema dedicata alla proiezione”.

Tutte le informazioni sulla mostra sono disponibili sul sito lineadombra.it.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!