Serra di marijuana in casa: giovane “giardiniere” nei guai, ora è ai domiciliari

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il materiale sequestrato dai carabinieri di Marostica

Coltivate con dedizione, proprio come farebbe un giardiniere. Decine di piantine di marijuana sono state trovate dai carabinieri della stazione di Marostica durante la perquisizione a casa di un giovane della città degli scacchi, che era sfuggito ad un controllo.

Il ragazzo, ora agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida del provvedimento, è stato “pizzicato” dai militari agli ordini del luogotenente Alessandro Bortolon ieri mattina. Verso le 8 i carabinieri, in pattuglia nelle strade di Marostica, hanno intimato l’alt al ragazzo che stava transitando in una via del Comune con il suo motorino. Invece di fermarsi, il giovane ha prima accelerato e poi è sceso dal mezzo nel tentativo di darsi alla fuga a piedi. I carabinieri, però, sono riusciti a bloccarlo. Controllando il motorino, sotto alla sella hanno trovato dei residui di marijuana, così hanno pensato di estende le ricerche anche in casa del ragazzo. Lì, gli uomini dell’Arma hanno scoperto una serra artigianale destinata alla coltivazione di piantine di canapa, oltre a 150 grammi di infiorescenza già essiccata e pronta per essere fumata, oltre a vasetti e additivi vari.

Le indagini dei carabinieri proseguono per capire il probabile giro di spaccio legato alla coltivazione scoperta.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!