Contro l’influenza pronte 134mila dosi di vaccino. Lo fa il medico di famiglia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Antidoti contro l'influenza

Vaccinarsi per schivare l’influenza, quel male di stagione che lo scorso inverno ha tenuto a letto 377mila veneti. E’ partita in questi giorni la campagna regionale rivolta agli ultrasessantacinquenni e alle categorie a rischio (malati cronici, donne incinte e lavoratori di particolari settori) che gratuitamente possono farsi somministrare il vaccino antinfluenzale dal proprio medico di famiglia.

Delle 800mila dosi disponibili a livello regionale, le aziende sanitarie del Vicentino ne hanno prenotate in tutto 134mila, così divise: 57mila l’Usl 6 di Vicenza, 29mila l’Usl 4 dell’Alto Vicentino, 24.500 l’Usl 5 dell’Ovest Vicentino e 23.500 l’Usl 3 di Bassano.

“Come negli scorsi anni – ricorda l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto – stiamo per affrontare un periodo nel quale avremo a che fare con un virus solo apparentemente banale, soprattutto per le categorie di persone a rischio. Va quindi considerato come un potenziale pericolo e occorre valutare bene la situazione prima di decidere di non vaccinarsi, rivolgendosi al proprio medico di fiducia e non alle bufale del web. Lo dico anche per le persone sane, perché delle complicazioni si registrano ogni anno anche in chi non sarebbe apparentemente a rischio”.

In tutto il Veneto, dalla stagione 2009-2010 a quella 2015-2016 si sono verificati complessivamente 87 decessi, 124 casi gravi e 502 ricoveri in ospedale. I casi severi e le complicanze dell’influenza sono più frequenti nei soggetti al di sopra dei 65 anni di età e con condizioni di rischio, quali ad esempio il diabete, malattie immunitarie o cardiovascolari e respiratorie croniche. Alcuni studi hanno messo in evidenza un aumentato rischio di malattia grave nei bambini molto piccoli e nelle donne incinte. Tuttavia, casi gravi di influenza si possono verificare anche in persone sane che non rientrano in alcuna delle categorie sopra citate. E chi non rientra tra le persone che possono avere gratuitamente il vaccino lo può acquistare in farmacia.

L’Usl 4 dell’Alto Vicentino ha messo a disposizione un numero verde (800.544.477 attivo fino al 28 novembre) per informare sulle modalità generali di svolgimento della campagna e raccogliere le richieste di vaccinazione a domicilio per le persone costrette stabilmente a letto. “L’influenza stagionale – nota Paolo Coin, direttore del dipartimento di Prevenzione dell’Usl 4 – rappresenta una delle più importanti cause di morte per malattie infettive, subito dopo l’Aids e la tubercolosi e la vaccinazione rimane il mezzo più efficace per contrastarla”.

Dall’Usl 5 il responsabile del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Massimo Pasqualotto aggiunge: “Non bisogna dimenticare che vaccinarsi contro l’influenza significa sì ridurre le probabilità di ammalarsi, ma anche proteggere gli altri dal rischio di contagio e prevenire i disagi che, in caso di prolungata assenza per malattia di coloro i quali svolgono attività essenziali per la comunità o lavori socialmente utili, possono venirsi a creare nell’erogazione di servizi di primaria importanza per la popolazione. È importante ricordare però che la vaccinazione antinfluenzale è una misura utile di prevenzione anche per tutta la popolazione sana, sia per ridurre i disagi legati alla malattia, personali ma anche sociali ed economici per la collettività, sia in generale per limitare quanto più possibile la diffusione del virus”.

Le categorie a cui la vaccinazione è raccomandata e offerta gratuitamente sono (oltre agli ultresessantacinquenni) bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza. Come: malattie respiratorie croniche (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva – BPCO); malattie cardio-circolatorie (comprese le cardiopatie congenite e acquisite); diabete mellito; obesità; insufficienza renale/surrenale cronica; malattie del sangue; tumori; malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi; immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV; malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali; patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici; patologie associate a un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad esempio malattie neuromuscolari); malattie del fegato croniche; bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico; donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; individui di qualunque età ricoverati in strutture per lungodegenti; medici e personale sanitario di assistenza; familiari e contatti di soggetti ad alto rischio; soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!