Viaggiava senza assicurazione e con il kit per drogarsi: sequestrati auto e metadone

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il materiale sequestrato dalla Guardia di finanza

Assicurazione scaduta e, nel vano portaoggetti, un vero e proprio kit per iniettarsi il metadone. E’ quanto hanno trovato i militari della Guardia di finanza di Arzignano perquisendo l’auto di un 33 enne residente a Cornedo, che domenica sera stava viaggiando a bordo di una Panda a Valdagno.

L’uomo è stato fermato dai finanzieri in servizio lungo le strade di Valdagno, nell’ambito di una consueta operazione di contrasto ai traffici illeciti. L’automobilista (R. A. le iniziali), è stato sottoposto al controllo, dal quale è emerso che stava frequentando un centro di cura e riabilitazione per tossicodipendenti. Allo stesso, inoltre, era già stata ritirata la patente di guida nel 2009 perché, dopo essere stato ricoverato al pronto soccorso di Valdagno per un incidente stradale, veniva trovato in possesso di un cucchiaino con residui di eroina e, pertanto, segnalato alla prefettura di Vicenza.

Data la situazione, i militari delle Fiamme gialle hanno controllato l’auto, scoprendo che all’interno del vano portaoggetti c’erano un“boccetta” da 100 milligrammi – di cui 20 già consumati – senza etichetta, contenente presumibilmente metadone, oltre a tredici siringhe già utilizzate, un cucchiaino bruciacchiato, alcuni involucri di carta stagnola ed un elastico da usare come laccio emostatico. In assenza di prescrizioni mediche, è stata ritirata la patente al 33enne, su cui si procede per detenzione di droga ai fini di consumo personale, e sequestrato tutto il materiale. Inoltre, i finanzieri hanno scoperto che l’assicurazione dell’auto era scaduta a marzo e l’hanno sequestrata.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!