Il mercato del lunedì si fa più bello e sicuro: tra le novità la creazione di tre poli alimentari

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
La piantina illustra la riorganizzazione del mercato di Thiene

Il mercato settimanale di Thiene, cambia volto. Da lunedì prossimo la disposizione delle zone e dei banchi si presenterà rinnovata.

Si tratta di una riorganizzazione importante, la più rilevante dagli anni ’80 in poi. Il piano si avvale di uno studio specifico a cura della Ics di Vicenza e della stretta collaborazione con  Confcommercio e Confesercenti. I punti qualificanti del nuovo mercato sono maggiore sicurezza per il passaggio, ora possibile, dei mezzi di soccorso (ambulanze e vigili del fuoco), maggiore attrattività per la collocazione degli operatori commerciali in un’unica grande area mercatale e maggiore comodità  per la vicinanza dei parcheggi ai poli alimentari.

Il nuovo mercato si estende tra piazza Ferrarin, la zona traffico limitato, via Trieste, all’altezza di Villa Fabris, piazza Scalcerle, via Roma, davanti al duomo, comprendendo le piazze Chilesotti e Nova Thiene.

Gli espositori sono 180.  Tra le novità ci sono la creazione di tre poli alimentari rispettivamente in piazza Scalcerle (con 2 produttori agricoli, 5 operatori alimentari e 12 operatori non alimentari), in piazza duomo (con 2 produttori agricoli e 5 operatori alimentari) e in piazza Nova Thiene, spazio strategico del centro che viene ora inglobato nell’area mercatale e su cui coabiteranno 10 operatori del settore alimentare  e 10 di quello non alimentare.

“La riorganizzazione era necessaria – commenta l’assessore alle Attività Produttive e al Commercio, Alberto Samperi –, con l’eliminazione di una fila di banchi lungo gran parte di Corso Garibaldi e in  via Trieste, nel tratto compreso tra la zona del Bosco dei Preti e Villa Fabris, sarà possibile il transito ai mezzi di soccorso e l’accesso delle auto al parcheggio delle ex Distillerie Fabris, sarà facilitato il passaggio dei pedoni anche sui marciapiedi e verrà data maggiore visibilità alle vetrine dei negozi”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!