Aumentano le truffe agli anziani, Confartigianato propone 4 incontri per imparare a difendersi

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Gli anziani sono spesso nel mirino di truffatori

Torna nel Vicentino la “campagna nazionale contro le truffe agli anziani” promossa dai pensionati di Confartigianato nazionale. L’obiettivo del progetto è quello di “avvicinare” un importante segmento della popolazione particolarmente esposto a truffe e raggiri, e quindi sensibilizzare gli anziani al problema offrendo loro anche utili consigli di prevenzione, difesa e denuncia, riassunti in un vademecum.

Il provincia la campagna “Occhio alle truffe: facciamoci furbi!” prevede quattro incontri pubblici realizzati in collaborazione con la prefettura, le forze dell’ordine e i Comuni. Si parte mercoledì 10 maggio (ore 10) a Vicenza, nella sede della circoscrizione 3 (Villa Tacchi) in viale della Pace, per proseguire poi giovedì 11 maggio (ore 16) a Rosà, alla sala riunioni del centro diurno in via Lepanto. Terzo appuntamento giovedì 25 maggio (ore 17.30) a Caldogno, in Villa Caldogno, per finire martedì 30 maggio (ore 18) a Schio, al Lanificio Conte.

All’incontro di Vicenza parteciperà anche un’esperta di truffe in internet, che darà i principali consigli per non farsi intrappolare da chi vuole carpire i nostri dati mettendoci in seria difficoltà. A Schio, invece, sarà presente Moreno Morello di “Striscia la notizia”, già ospite dell’Anap (associazione nazionale anziani e pensionati) lo scorso anno a Vicenza con lo spettacolo “Truffattori”.

Per quanto riguarda la sicurezza degli anziani vicentini, i dati forniti dal ministero dell’Interno, con particolare attenzione agli over 65, fotografano una diminuzione dei furti (passati da 2.833 nel 2014 a 2.504 nel 2015), ma un aumento delle truffe. Va detto, però, che l’incidenza di vittime di furti, rapine e truffe nel Vicentino è inferiore alla media del Veneto e ancor più alla media nazionale. Questi sono i dati ufficiali, perché denunciati: il dato reale è sicuramente maggiore, perché spesso non si denuncia, perché ci si vergogna, oppure si è sfiduciati.

“Polizia e carabinieri chiedono il nostro aiuto: denunciare può servire a prevenire furti e truffe ad altri. E i malfattori lo sanno. Per questo bisogna farsi più furbi – spiega Gino Gogo-. L’Anap di Vicenza invita perciò a segnalare, ma non solo: sostiene pure il disegno di legge di riforma del processo penale, approvato dal Senato e ora in discussione alla Camera per il varo definitivo”. In esso è previsto l’innalzamento delle pene per i reati di furto in abitazione, rapina e scippo.  “Apprezziamo anche – conclude Cogo – l’inserimento dei due reati di truffa in danno di persone ultrasessantacinquenni e di circonvenzione di persone incapaci tra quelli per cui è previsto l’arresto in flagranza obbligatorio”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!