Esche avvelenate, il Prefetto alza il livello d’allerta e rafforza la vigilanza

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Nel riquadro un boccone infarcito di metaldeide

Il Prefetto Umberto Guidato alza il livello di vigilanza per contrastare la proliferazione, riscontrata in varie e diverse zone del Vicentino, dei bocconi avvelenati. Nocivi e spesso letali per gli animali, in particolare quelli domestici. Troppi gli episodi segnalati e certificati attraverso i controlli veterinari – Valdagno, Altavilla, Asiago, Arsiero ma anche Mussolente e Roana per citare i casi più eclatanti -, tanto da spingere il massimo rappresentante dello stato nella provincia ad un giro di vite per tentare quantomeno di arginare il problema.

Una circolare rivolta ad enti e uffici pubblici richiama alla necessità di “intensificare le azioni di vigilanza in chiave sia preventiva, sia repressiva, con specifico riguardo alla zone dove si è verificato il fenomeno”. Inoltre, con comunicazione inoltrata alle aziende Ulss8 Berica e Ulss7 Pedemontana, si è richiesto un rafforzamento della campagna di sensibilizzazione attraverso la diffusione di opportuni vademecum, allo scopo di fornire consigli e suggerimenti utili alla popolazione.

Tanti, troppi, i rinvenimenti di vere e proprie esche tossiche nelle zone e in ambienti più disparate della provincia. Dai parchi pubblici alle piste ciclabili, fino a sentieri di campagna ma anche in giardini privati. E tante, purtroppo, le inermi vittime della cattiveria umana. Spesso si tratta di piccoli bocconcini di carne “farciti” di lumachicidi che, se ingeriti in quantità ingenti, possono avvelenare e rivelarsi letali per i poveri animali, cani e gatti in particolare.

In caso di dubbi di avvelenamento, come consigliato dai medici veterinari, la prima cosa da fare è recarsi prontamente presso un ambulatorio o una clinica per animali. La lotta contro il tempo è il primo fattore da considerare per contrastare gli effettivi dell’ingerimento di sostanze tossiche per l’organismo. I sintomi primari consistono in tremori e convulsioni, occhi “sbarrati” e in generale problematiche del sistema nervoso, in particolare in caso di avvelenamento da metaldeide, contenuta nei prodotti lumachicidi.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!