Una donna si aggiunge alla lista nera del “giro della coca” della città degli Scacchi

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Un carabinieri della stazione di Marostica procede al peso dettagliato della cocaina sequestrata oggi

Le indagini approfondite intorno alla “piazza di spaccio” di Marostica portano all’arresto di un terzo presunto spacciatore nel giro di appena venti giorni: stavolta si tratta di una donna – Ambra Novali il suo nome diffuso dalle forze dell’ordine – ritenuta complice di Giuseppe Zanfardini e Daniele Carriero, i due 32enni già arrestati lo scorso 21 settembre. Nell’abitazione di Breganze in cui risiede la 37enne vicentina sono stati rinvenuti 53,5 grammi di cocaina pronta per lo spaccio, oltre a un bilancino di precisione e del materiale inequivocabile utilizzato per il confezionamento delle dosi da smerciare.

Tutti gli indizi di colpevolezza nei confronti della donna sono stati sequestrati in seguito alla perquisizione domiciliare avvenuta oggi, giovedì 10 ottobre. I militari della stazione di Marostica erano giunti al nominativo della presunta complice della coppia di uomini già incappata nella rete dei carabinieri sulla base delle investigazioni svolte nelle scorse settimane. Operazioni di polizia che avevano portato al duplice arresto di Carriero e Zanfardini, con quest’ultimo recentemente già ritornato agli onori della cronaca per l’evasione dagli arresti domiciliari, e finito dietro le sbarre del carcere di Vicenza su ordine del magistrato nel corso della settimana.

Anche nei confronti della donna di origini lombarde, conosciuta anche nel Thienese per la sua attività di gestore di pubblici esercizi della zona, è stata disposta la misura di custodia attenuata all’interno delle mura di casa propria. In attesa che il fascicolo a suo carico finisca in un’aula di tribunale per il probabile processo.